Home Mobilità Accolti i ricorsi per il 15% dei trasferimenti

Accolti i ricorsi per il 15% dei trasferimenti

CONDIVIDI
  • GUERINI

Dai sindacati, per via di migliaia di errori sui trasferimenti della scuola primaria, arriva la richiesta di ripetere tutte le operazioni di trasferimento, col rischio di gettare nel caos l’avvio dell’anno scolastico.

“La toppa non tiene. Operazioni da rifare”, tuona Lena Gissi, della Cisl scuola. La notizia è grossa: secondo un file consegnato da viale Trastevere ai rappresentanti dei lavoratori, sarebbero oltre 2mila e 600 le richieste di conciliazione accolti dal Miur sui soli trasferimenti di scuola primaria di fase C (quella interregionale degli assunti dalle liste dei precari) su un totale di quasi 17mila e 500 movimenti. In pratica il 15 per cento. Un po’ troppi per parlare di semplici “imperfezioni”.

Icotea

E, in attesa che si chiariscano meglio le cose, c’è chi avanza la richiesta di fare slittare la presa di servizio oltre il primo settembre per chi è stato danneggiato dai trasferimenti.

“La misura è colma. Siamo al fai da te e forse peggio”, dichiara Pino Turi della Uil scuola. E se da un lato, il Miur proporrà a 2mila e 600 docenti di avvicinarsi a casa, oltre mille non ci sono riusciti.

I sindacati chiedono di ripetere i trasferimenti perché le correzioni proposte ai diretti interessati, che riceveranno una nuova proposta dagli Uffici scolastici regionali, rappresentano soltanto una parte di quelli possibili. Si tratta, in altre parole, degli aggiustamenti che il ministero è riuscito a mettere in lista – quasi sempre su sedi rimaste vacanti – senza spostare chi ha ottenuto il trasferimento nelle passate settimane.

 

{loadposition eb-pof-triennale}

 

Ma in tanti si chiedono: cosa sarebbe accaduto se l’algoritmo avesse funzionato secondo le indicazioni contenute nell’accordo tra tecnici del Miur e sindacati sulla mobilità? Una situazione che, di fronte alla prospettiva di un anno da trascorrere a centinaia di chilometri da casa, spingerà migliaia di neo immessi in ruolo a rivolgersi ai giudici.