Home Archivio storico 1998-2013 Generico Alunni autistici, avviata una pista tutta italiana per comprenderne i motivi

Alunni autistici, avviata una pista tutta italiana per comprenderne i motivi

CONDIVIDI
webaccademia 2020
Un gruppo di scienziati italiani potrebbe aver indicato una nuova via per spiegare l’autismo, una di quelle sindromi con cui gli insegnanti della scuola si trovano non di rado a contatto per la presenza in classe di bimbi che ne sono colpiti.
Chissà quante volte, questi insegnanti, curricolari e di sostegno, si saranno chiesti i perché di certi comportamenti ripetitivi, interessi ristretti, deficit di comunicazione verbale e non verbale. Spesso però accompagnati da delle doti mnemoniche decisamente sopra la media. Ora, qualcuno potrebbe aver dato una prima bozza di risposta: si tratta di un team di ricercatori appartenenti all`Irccs Medea, Associazione La Nostra Famiglia, Scuola Internazionale Studi Avanzati (Sissa) di Trieste, all’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Udine, e al Centro Inter-Universitario di Neuroscienze Comportamentali dell`Università di Verona ed Università di Udine, guidati da Paolo Brambilla. Dopo approfonditi studi su bambini autistici, il team ha detto che alla base della patologia c’è una alterazione dell`integrità e dello sviluppo della sostanza bianca: si tratta di quella porzione del sistema nervoso che presiede al collegamento e alla diffusione dei segnali nervosi e degli stimoli motori, mentre la sostanza grigia svolge funzioni di selezione e avviamento delle informazioni che viaggiano lungo il sistema nervoso e punto di partenza di input motori.
Rispetto ai bambini con sviluppo psicologico normale, i bambini con autismo differivano significativamente per variazioni di densità di sostanza bianca e grigia, particolarmente nelle aree frontali e temporo-parietali, e microstrutturali nella sostanza bianca della corteccia frontale e del corpo calloso. “Lo studio – ha detto il responsabile, Paolo Brambilla – mostra la presenza di disconnettività cerebrale, particolarmente fronto-parietale, già nelle fasi precoci della malattia, accoppiata ad un`alterazione della traiettoria di maturazione della sostanza bianca durante tutta l`infanzia in bambini affetti da autismo. Questo potrebbe rappresentare un marker potenziale di neuro sviluppo della malattia, che potrebbe in parte sostenere i deficit cognitivi e sociali dell`autismo”.
CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese