Home Politica scolastica Azzolina: “1 miliardo e mezzo in arrivo per la scuola. Ora graduatorie...

Azzolina: “1 miliardo e mezzo in arrivo per la scuola. Ora graduatorie d’istituto provinciali e digitalizzate”

CONDIVIDI

Prosegue la trattativa sul decreto legge “Rilancio”  Tra le novità più significative, spunta la stabilizzazione di 16mila insegnanti in più. “In tutto ci saranno 32mila nuovi insegnanti nelle scuole italiane”, festeggia il segretario del Partito Democratico, Nicola Zingaretti.

La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, su Facebook, specifica che si tratta di più di 1,5 miliardi e mezzo destinato alla scuola: “All’interno del decreto Rilancio ci saranno importanti risorse destinate alla scuola. Partivamo da 450 milioni di euro, abbiamo ottenuto molto di più: quasi 1 miliardo e mezzo. Una cifra importante che ci permetterà di lavorare al meglio per la riapertura delle scuole”.

Sui concorsi scuola, invece, la ministra afferma: “Abbiamo ottenuto 16 mila posti in più per le assunzioni di docenti: 8 mila nel concorso straordinario e altri 8 mila per l’ordinario. Stiamo lavorando per assumere i precari, quelli delle graduatorie ad esaurimento e quelli dei vecchi e nuovi concorsi. Il prossimo obiettivo, grazie al lavoro del Parlamento sul decreto Scuola, è aggiornare le graduatorie d’istituto che dovranno essere provinciali e digitalizzate”.

ICOTEA_19_dentro articolo

Come già scritto nelle scorse ore, difficilmente il concorso straordinario emetterà le graduatorie dei vincitori con l’inizio del prossimo anno scolastico: per permettere il distanziamento degli alunni, quindi la divisione delle classi in almeno due gruppi, al fine di rispettare i protocolli di prevenzione del contagio da coronavirus, sono altre le soluzioni da intraprendere. Almeno per i primi mesi dell’anno.

LA SCUOLA CHE VERRÀ

LA TECNICA PER LA SCUOLA

Come fare didattica a distanza: consigli e soluzioni

CORONAVIRUS – TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Nuovo Modello Autodichiarazione 03.05.2020 (Editabile)

LE FAQ UFFICIALI

Coronavirus e scuole chiuse, tutto quello che c’è da sapere: norme