Home Archivio storico 1998-2013 Generico Bambini, dopo la scuola di corsa dai nonni

Bambini, dopo la scuola di corsa dai nonni

CONDIVIDI
Assume dimensioni sempre più rilevanti la quota di bambini affidati ai nonni: secondo un’indagine Istat, presentata il 17 novembre dal sottosegretario al Welfare, Grazia Sestini, nel 2003 in Italia i bambini tra 0 e 13 anni che sono stati affidati a figure di supporto (nonni, babysitter, conoscenti, ecc.), almeno qualche volta a settimana quando non erano con i genitori o a scuola, sono stati circa 4 milioni, pari al 51,4% del totale. Al primo posto tra coloro che si prendono cura dei più piccoli (76,2%) si collocano i nonni, conviventi e non, e il loro apporto risulta fondamentale soprattutto se i bambini sono piccoli: l’80,3% dei bambini tra 0 e 2 anni e l’80% di quelli tra 3 e 5 anni sono affidati ai nonni tutti i giorni o almeno qualche volta a settimana. Gli altri parenti, sempre conviventi e non, che si prendono cura dei bambini sono il 17,3%; ancora meno sono i bambini affidati a persone retribuite (9%), percentuale che però sale all’11,6% se la donna lavora e al 23,9% se è dirigente, imprenditrice o libera professionista.
Quello di ricorrere ad adulti extra-familiari o scolastici è un fenomeno sicuramente in crescita: rispetto alla rilevazione del 1998 (49,6%) c’è stato un aumento di circa il 2%. Un altro degli aspetti resi noti dall’indagine Istat è che il ricorso ad altri adulti per curare i bambini è tanto più evidente quanto minore è l’età: il 55,6% dei bambini fino a 2 anni risulta accudito da qualche adulto almeno qualche volta a settimana, mentre tra i bambini di 11-13 anni la quota scende al 41,6%.
 
CONDIVIDI