Home Attualità Banchi 2.0 anti Covid, il commissario Arcuri: dobbiamo comprarli per la metà...

Banchi 2.0 anti Covid, il commissario Arcuri: dobbiamo comprarli per la metà delle classi

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Il commissario straordinario all’emergenza Covid Domenico Arcuri vuole risolvere il problema del reperimento dei banchi singoli anti Covid-19, peraltro già sperimentati con successo.

“Dovremo comprare il 40-50% del totale dei banchi”

“Ci sono scuole attrezzate e alcune da attrezzare. Pensiamo di dover comprare il 40-50% del totale dei banchi”, ha spiegato Arcuri durante il nel webinar organizzato dal Centro Studi Americani, intervistato da Lucia Annunziata.

“Quante più attrezzature compatibili ci sono tanto meno spazio servirà. Stiamo cercando di capire col ministero di quante aree usufruire e quanti banchi singoli sono già disponibili”.

ICOTEA_19_dentro articolo

Un numero imponente

Il numero di banchi da acquistare, approfondendo le parole di Domenico Arcuri, appare davvero alto. Si potrebbe dire imponente.

In Italia, infatti, abbiamo circa 360 mila classi. Stando a quanto sostiene il commissario servirebbero i banchi per circa 150 mila classi: considerando una media di 20-22 alunni per classe, si arriva a non meno di 3 milioni di banchi: una stima che corrisponde, in effetti, a circa il 40% degli otto milioni di alunni complessivi.

Se, però, i banchi dovessero costare allo Stato i 400 euro indicati nei giorni scorsi da un dirigente scolastico in servizio nella provincia di Bari, i costi per l’erario sarebbero davvero alti: almeno un miliardo e 200 milioni di euro. La stessa cifra indicata qualche giorno fa dalla Tecnica della Scuola.

Preparazione concorso ordinario inglese