Home Alunni Camilleri era un umanista. Cosa sanno di lui gli alunni

Camilleri era un umanista. Cosa sanno di lui gli alunni

CONDIVIDI

Al Cimitero Acattolico di Roma sono andati in tanti per portare l’ultimo saluto ad Andrea Camilleri, lo scrittore e intellettuale siciliano morto il 17 luglio 2019 a 93 anni.

Tra i tanti ammiratori dell’autore di best-seller, ma anche drammaturgo e regista, c’era Simona Marchini, Michele Riondino, Laura Boldrini e Ida Carmina, sindaca di Porto Empedocle, città che ha dato i Natali ad Andrea Calogero Camilleri il 6 settembre del 1925.

Il Cimitero Acattolico, detto anche degli Inglesi o dei protestanti, ospita le tombe di Antonio Gramsci, Carlo Emilio Gadda e dei poeti britannici John Keats e Percy Bysshe Shelley, tra le più note. La tomba del papà del commissario Montalbano, ha trovato ora spazio nella zona 3, riquadro 1, fila 1.

ICOTEA_19_dentro articolo

Cosa sanno di lui gli studenti

Intanto, secondo una  rilevazione di Skuola.net, circa 1 studente su 5 avrebbe voluto svolgere una traccia su Camilleri durante gli esami di Stato, mentre i 150 studenti interpellati su quali libri del grande autore porterà nel cuore e perché, la stragrande maggioranza (il 72%) ha avuto modo di approfondire la vasta produzione di Andrea Camilleri.

Per la restante parte, purtroppo, lo scrittore è un illustre sconosciuto.

Per quel 72% tuttavia, il 35% lo conosceva per aver seguito in Tv la fiction sul commissario Montalbano. Un buon 18% lo ha studiato o ne ha parlato a scuola, con relativo attestato di stima ai loro professori; la stessa quota ha letto autonomamente i suoi libri. Circa il 29%, infine, conosceva il personaggio attraverso i media e il “sentito dire”.

I testi più amati

Tra i testi più amati di Camilleri, gli studenti hanno indicato: “Ora dimmi di te. Lettera a Matilda”, libro in cui lo scrittore racconta alla pro-nipotina la sua vita, intrecciandola con la storia del Novecento.

Non poteva mancare “La forma dell’acqua”, giallo ambientato nell’ormai celebre cittadina di Vigata e primo romanzo in cui appare il commissario Montalbano, il personaggio che ha consacrato il successo di Camilleri.

Nella classifica vengono citati anche “Gli arancini di Montalbano” e “La gita a Tindari”.