Home Personale Canone Rai, cosa è previsto per la scuola

Canone Rai, cosa è previsto per la scuola

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Il canone Rai è un canone di abbonamento dovuto, annualmente, da chiunque possieda almeno un apparecchio televisivo. Per ogni famiglia, se i familiari risiedono nella medesima abitazione, va pagato una sola volta.

Il canone va corrisposto anche da coloro che risiedono all’estero ma che hanno in Italia un’abitazione ove è presente un apparecchio televisivo.

La Legge di Stabilità 2016 ha introdotto la presunzione di detenzione dell’apparecchio tv nel caso in cui esista un’utenza elettrica nel luogo in cui una persona ha la propria residenza anagrafica e ha previsto che, per i titolari di una utenza elettrica di tipo residenziale, il pagamento del canone tv per uso privato avvenga mediante addebito sulla bolletta elettrica, in 10 rate mensili.

ICOTEA_19_dentro articolo

Per superare questa presunzione ed evitare quindi l’addebito in fattura, i cittadini che non possiedono l’apparecchio televisivo devono presentare una dichiarazione sostitutiva all’Agenzia delle Entrate, con cui dichiarano che in nessuna delle abitazioni per le quali il dichiarante è titolare di un’utenza elettrica è detenuto un apparecchio tv (da parte del dichiarante stesso o di altro componente della famiglia anagrafica).

La scuola

Le scuole materne statali e non statali ma autorizzate, le scuole elementari statali o parificate, le scuole di istruzione secondaria ed artistica di ogni grado statali pareggiate e legalmente riconosciute, gli istituti di istruzione superiore e le Università, possono ottenere una licenza gratuita alle radiodiffusioni per la detenzione di apparecchi radiotelevisivi ad uso esclusivamente didattico (sulla base della L. 2/12/1951 n. 1571 e art. 1 L. 28/12/1989 n. 421) Per ottenere una licenza gratuita occorre inoltrare, tramite i propri Uffici Scolastici Provinciali o direttamente da parte delle Università, apposita istanza alla Rai Radiotelevisione Italiana Casella postale 10 – 10121 Torino.

L’esenzione per la scuola

L’esenzione può avvenire in essere se lo scopo dell’utilizzo delle radio o televisioni ha scopo esclusivamente didattico.

Le scuole non statali sono soggette al pagamento di una tassa annuale.

Gli importi attualmente in vigore sono i seguenti:

  • 0,70 euro per la detenzione di apparecchi radio;
  • 4,13 euro per la detenzione di apparecchi televisivi

 

Rai Scuola

C’è un canale dedicato alla formazione sulla televisione pubblica.

Rai Scuola, precedentemente chiamato Rai Edu 1 e prima ancora Rai Edu Lab, è un canale televisivo italiano tematico gratuito edito dalla Rai, curato da Rai Cultura e dedicato alla formazione scolastica e alla didattica. L’attuale nome del canale è in uso a partire dal 19 ottobre 2009.

Rai Scuola è destinato principalmente all’insegnamento di discipline scolastiche ai bambini della scuola primaria e ai ragazzi della scuola secondaria di primo grado.

Le discipline scolastiche riguardano le scienze, la lingua inglese, ma anche l’educazione stradale. Il progetto principale è il D, un contenitore di programmi formativi della BBC e sitcom prodotte dalla RAI.

Rai Scuola è visibile gratuitamente al canale 146 del digitale terrestre.

Richiesta di esenzione. I requisiti

C’è tempo fino al 31 gennaio per presentare la richiesta di esenzione dal pagamento del Canone Rai nella bolletta elettrica.

Deve essere utilizzato l’apposito modulo predisposto dall’Agenzia delle Entrate e l’esenzione, presentata nel termine giusto, vale per l’intero 2019.

Può presentare la richiesta di esenzione chi non possiede una televisione (propria o di un componente della propria famiglia anagrafica) in nessuna delle abitazioni in cui ha un’utenza elettrica intestata.

In questa categoria rientra anche chi possiede solo computer purché privi di sintonizzatore tv: avere un pc portatile o fisso che viene usato per vedere trasmissione televisive in streaming non comporta il pagamento del canone. In caso di falsa dichiarazione si commette un reato.

Potrà non pagare il canone anche chi ha compiuto 75 anni e possiede un reddito annuo non superiore a 6.713,98 euro (che equivalgono a 516,46 euro al mese per 13 mesi).

Il modello è disponibile sul sito dell’Agenzia e può essere inviato anche telematicamente utilizzando le proprie credenziali Fisconline o Entratel.

La modalità telematica non è invece disponibile per gli anziani (che però possono inviare la richiesta di esenzione tramite Pec, all’indirizzo di posta elettronica certificata [email protected] rai.it).

In ogni caso la richiesta di esonero può essere richiesta inviando il modulo previsto per raccomandata senza busta, all’indirizzo: Agenzia delle entrate – Ufficio Torino 1 – Sportello abbonamenti TV – Casella postale 22 -10121 Torino.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese