Home Università e Afam Capo d’Orlando: progetto di ricerca e sperimentazione i-NEXT

Capo d’Orlando: progetto di ricerca e sperimentazione i-NEXT

CONDIVIDI

Il futuro è già presente a Capo d’Orlando in provincia di Messina, grazie al progetto di ricerca e sperimentazione i-NEXT per la realizzazione delle “smart city”, che si è concretizzato con la consegna dei primi mezzi a idrogeno all’amministrazione comunale paladina: un pullman da 16 posti, primo bus a idrogeno a circolare sulle strade siciliane, un camioncino per il trasporto merci e due biciclette a pedalata assistita. 

Il progetto “i-Next” è un’attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale; è stato finanziato dal Miur e coordinato da Italtel e CNR.

Icotea

Si pone l’obiettivo di coniugare la mobilità sostenibile ed alternativa (smartmobility) con l’utilizzo integrato delle fonti energetiche rinnovabili.

L’ecosistema si basa sulla produzione di energia da fonti rinnovabili quali eolico, idrogeno e solare, utilizza sistemi di accumulo elettrochimico, ed è coordinato da una piattaforma ICT realizzata nei laboratori dell’Italtel di Carini (PA) che tramite l’utilizzo di protocolli di telecomunicazione conformi agli standard industriali europei di “linguaggio tra macchine” (M2M – ETSI), ha consentito il dialogo il controllo ed il comando dei dispositivi intelligenti (Smart) installati in campo, in un ambito tipicamente IoT (Internet of Things). In tal modo si sono realizzati e resi fruibili servizi di mobilità, di illuminazione (soluzione di pali polivalenti sviluppata da Italtel) e di monitoraggio energetico (Mobility, Lighting, Energy &Grid management).