Home Attualità Cirio scuola, rientro in sicurezza per le scuole superiori piemontesi

Cirio scuola, rientro in sicurezza per le scuole superiori piemontesi [ORDINANZA]

CONDIVIDI

Il presidente della regione Piemonte, Alberto Cirio, ha emesso un’ordinanza valida fino al 31 gennaio che dispone l’adozione di alcune misure di monitoraggio quotidiano riguardanti il rientro in presenza al 50% degli studenti delle scuole superiori.

TESTO ORDINANZA

L’ordinanza prevede che le aziende sanitarie locali devono trasmettere quotidianamente entro le ore 18 al Dipartimento interaziendale funzionale a valenza regionale “Malattie ed Emergenze Infettive” (DIRMEI) gli esiti delle attività di contact tracing dedicato, esecuzione e refertazione dei tamponi, sorveglianza epidemiologica e screening scolastici, dando specifica evidenza di situazioni che richiedano interventi di contenimento della diffusione dell’epidemia.

Icotea

Il decreto regionale dispone inoltre che l’Assessorato ai Trasporti e l’Agenzia della Mobilità Piemontese trasmettono quotidianamente entro le ore 18 al DIRMEI la ricognizione sugli interventi di potenziamento del piano trasporti e le eventuali problematiche emerse.

Sulla base delle relazioni ricevute e del proprio sistema di monitoraggio, il DIRMEI segnala tempestivamente all’Assessorato alla Sanità della Regione Piemonte la necessità di adottare misure di contenimento della diffusione dell’epidemia.

L’Ufficio scolastico regionale è invitato ad adottare un sistema di monitoraggio puntuale delle problematiche connesse al rischio di diffusione dell’epidemia dovute allo svolgimento dell’attività didattica in presenza ed al funzionamento del sistema di trasporto pubblico e a darne quotidiana comunicazione al Dirmei, mentre le Istituzioni scolastiche e gli enti locali sono invitati ad dare diffusione all’opuscolo sul rientro in sicurezza.

Infine, la Regione si riserva di convocare in conferenza gli enti locali piemontesi dal 19 gennaio per una valutazione della situazione complessiva e, in conseguenza a rilevanti criticità sanitarie, di adottare provvedimenti che riducano l’attività scolastica in presenza.