Home Personale Classi di concorso in alto mare: anche nel prossimo anno scolastico non...

Classi di concorso in alto mare: anche nel prossimo anno scolastico non cambieranno

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Nessun atto unilaterale. Almeno per il momento, le classi di concorso del personale docente della scuola rimangono un cantiere aperto. Giunte alla settima bozza di una revisione avviata ormai da sei anni, il provvedimento avrebbe dovuto vedere la luce da tempo. Nei giorni scorsi si era parlato di “atto unilaterale” da parte del Miur riguardante proprio i nuovi “regolamenti delle classi di concorso”, con l’amministrazione impegnata in un improvvisa volontà di chiudere la pratica. E i sindacati chiamati a recitare il loro di semplici informati. Convocati praticamente a giochi fatti. Un’ipotesi che aveva scatenato non pochi malumori tra i rappresentanti del lavoratori, i quali non hanno tardato a fare le loro rimostranze agli alti dirigenti ministeriali.

Certo, agli stessi sindacati non sarebbe dispiaciuta un’accelerata sulla questione, visto i tanti problemi che stanno portando nelle scuole le tanti classi di concorso atipiche: migliaia di docenti, infatti, soprattutto alle superiori, si ritrovano oggi ad insegnare materie senza abilitazione, grazie a delle cervellotiche tabelle di “confluenza” che il Miur aveva emanato un lustro fa solo per tamponare la situazione. Il problema però è nella forma: su un tema così rilevante, come la scelta dei nuovi raggruppamenti delle classi di concorsi, dei titoli di accesso, con tanto di fusioni o creazioni di nuove discipline, sarebbe stato a dir poco incauto non coinvolgere i sindacati.

 

ICOTEA_19_dentro articolo

{loadposition eb-tfa2}

 

Ora, però, La Tecnica della Scuola è venuta a conoscenza di un’informazione che potrebbe mettere tutto a tacere: l’iter di approvazione delle nuove classi di concorso è ancora in alto mare. Gli ultimi aggiornamenti alle tabelle, riveste e corrette mille volte, sarebbero ancora fermi nei cassetti degli uffici del palazzo bianco di Viale Trastevere.

Ma non solo. Perché trattandosi una procedura assai lunga, possiamo annunciare già da ora che anche per il prossimo anno scolastico la situazione rimarrà così come è oggi. Senza l’atteso aggiornamento. Che, a questo punto, nella migliore delle ipotesi, vedrà la luce nell’anno scolastico 2016/17.

La normativa, del resto, parla chiaro: modificare le classi di concorso dei docenti significa produrre un D.P.C.M., un Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, la cui approvazione prevede un iter lungo e complesso. Con l’acquisizione di pareri autorevoli e complessi, come quelli del Consiglio di Stato nonché delle commissioni parlamentari di competenza. Ora, dopo sei anni di attesa, come si può sperare che un atto amministrativo così laborioso possa vedere la luce in sei mesi?

 

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola

 

Preparazione concorso ordinario inglese