Home Attualità Classi pollaio, Azzolina: “Non più di 20 alunni se in classe c’è...

Classi pollaio, Azzolina: “Non più di 20 alunni se in classe c’è un disabile”

CONDIVIDI

La proposta di legge contro le classi pollaio a prima firma di Lucia Azzolina, deputata del Movimento Cinque Stelle, è già in discussione in commissione cultura della Camera, come riferito in precedenza. Si tratta di un tema molto importante, in quanto il numero di alunni per classe è uno dei problemi maggiormente riferiti.

Per le prime classi non più di 20 alunni se c’è un disabile

La deputata Azzolina, ha spiegato che “nella proposta di legge per superare le cosiddette classi pollaio nelle scuole confermiamo quanto già prevede un decreto del Presidente della Repubblica del 2009: tutte le prime classi delle scuole di ogni ordine e grado non potranno avere più di 20 iscritti se presenti studenti con disabilità”.

Invece, per quanto riguarda gli altri casi, “il tetto massimo è di 22. Questo perché vogliamo che, soprattutto per chi ha più difficoltà, la scuola sia un luogo di inclusione, da vivere nel modo migliore possibile”.

In mezzo alla notizia

Stop alle classi sovraffollate

Per Azzolina “è importante ribadire questo contenuto della norma in discussione prima che una lettura superficiale del testo conduca a errori o a una cattiva informazione. Ci stiamo impegnando per far in modo che non si verifichino più casi di sovraffollamento nelle classi, che sviliscono il mestiere di insegnante e, soprattutto, riducono gli alunni a meri numeri. Il tempo trascorso in classe è fondamentale per la crescita, la formazione e, quindi, per il futuro dei giovani, per questo vogliamo che sia di qualità”.
“Inoltre”, conclude la deputata del MoVimento 5 Stelle, “riducendo il rapporto insegnante/studente facciamo in modo che i genitori – in particolare quelli con figli disabili – non debbano più rivolgersi ai tribunali per ricreare nella scuola un ambiente più vivibile”.

Verso lo slittamento al 2020/2021?

Ma il tema dovrebbe essere affrontato a partire dall’anno scolastico 2020/21, almeno, questo è quello che ha dichiarato qualche giorno fa l’onorevole Luigi Gallo (M5S), presidente della Commissione alla Camera sulla sua pagina FB.

Gallo ha definito imbarazzante “l’ostilità a discutere la proposta di legge per la riduzione del numero di alunni per classe da parte del PD e di Forza Italia”.

“Per fortuna – sottolinea Gallo – il Movimento 5 Stelle continua a sostenere questa battaglia di civiltà nel nostro Paese per la sicurezza dei ragazzi, per la qualità didattica, per ampliare l’organico delle scuole e rendere più efficace tutto il lavoro nella scuola, che richiede quell’attenzione ad ogni singolo bambino e bambina, ragazzo e ragazza”.

E subito dopo conclude: “Ci sarà tutto il mio impegno a chiedere le risorse necessarie al governo già per il 2020 per dare un segnale straordinario alla scuola. È una battaglia storica che vuole ridare dignità al nostro Paese, è una battaglia che si fa anche in Europa per far uscire dai vincoli di bilancio gli investimenti in istruzione e cultura. Noi in commissione continueremo a difendere il lavoro per cancellare le classi pollaio”.

Il nodo risiede nel fatto che il disegno di legge Azzolina prevede l’avvio della riduzione del rapporto numerico alunni/docenti già a partire dall’anno scolastico 2019/20 con una previsione di spesa di poco di 400 milioni di euro già a partire dal 2019.