Home Alunni Concorsi per studenti, bando della Camera di Commercio Italo-Germanica

Concorsi per studenti, bando della Camera di Commercio Italo-Germanica

CONDIVIDI

Il Miur ha fornito indicazioni alle scuole in merito al bando di Concorso promosso dalla Camera di Commercio Italo-Germanica dal titolo “Welcome to Automation” – Edizione 2019/2020.

L’iniziativa è rivolta alle studentesse e agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado frequentanti gli Istituti tecnici, gli Istituti professionali e i Licei scientifici.

Lo scopo del concorso è promuovere e favorire la conoscenza e l’utilizzo delle tecnologie e delle tematiche proprie dell’Educazione Tecnica e Professionale, valorizzando l’integrazione tra le tecnologie e la loro applicazione a progetti concreti, favorendo l’applicazione pratica dei concetti orientati all’Industria 4.0 anche attraverso il collegamento tra le scuole e le aziende e fornendo un connubio tra la tecnologia e le discipline umanistiche, attraverso un modello educativo che consideri il recupero/riciclo dei materiali.

ICOTEA_19_dentro articolo

Il prodotto atteso dal Concorso è un oggetto capace di svolgere uno i o più compiti (muoversi, spostare, sollevare, rilevare oggetti, ecc.), dotato di una struttura meccanica composta al 100% di materiale riciclato, con la parte elettronica che utilizzi apparecchi controllori programmabili, che abbia una utilità in un ambito sociale a scelta di ogni gruppo (ad esempio: salvaguardia dell’ambiente, sicurezza sul lavoro o della persona, assistenza, ecc.).

Per partecipare al concorso occorre effettuare la pre-iscrizione entro il 31 ottobre 2019 compilando l’apposito modulo presente sul sito www.welcometoautomation.eu (sezione Regolamento).

Successivamente, la domanda di partecipazione al concorso va ultimata compilando il documento allegato al Bando, da inviare tramite e-mail all’indirizzo [email protected], all’attenzione dell’Ufficio Marketing – Concorso “Welcome to Automation”, entro e non oltre il 6 dicembre 2019.

La domanda è presentata dal docente garante della supervisione del progetto, indicando un secondo nominativo che farà le veci del supervisore in caso di necessità.