Home Archivio storico 1998-2013 Concorso Dirigenti Concorso per dirigenti: più di 42mila domande

Concorso per dirigenti: più di 42mila domande

CONDIVIDI
  • Credion

Sono stati resi noti dalla Direzione Generale del personale scolastico del Miur i dati relativi alle domande di partecipazione al concorso per dirigenti scolastici presentate nelle diverse regioni italiane.
In questa tabella il numero delle domande (più di 42mila in tutto) viene messo a confronto con il numero dei posti messi a concorso.
Si può facilmente constatare che in alcune regioni le possibilità di superare il concorso sono molto superiori rispetto ad altre.
In linea generale nelle regioni del nord la disponibilità di posti varia da un minimo di un posto ogni 10,4 partecipanti (Liguria) fino a un posto ogni 15,5 partecipanti (Veneto).
Nelle regioni del sud il rapporto è più che doppio.
In Puglia c’è un posto per 17,3 domande, mentre in Campania si arriva addirittura a un posto ogni 30,76 domande.
Va anche detto che un buon 10% delle domande presentate sono state accolte con riserva o perché il candidato non possiede un titolo previsto dal bando oppure perché il candidato non ha raggiunto il servizio minimo necessario. 

Regione
Domande
Posti a concorso
n. domande per posto
ABRUZZO
1.234
68
18,15
BASILICATA
706
42
16,81
CALABRIA
2.389
108
22,12
CAMPANIA
6.891
224
30,76
EMILIA ROMAGNA
2.149
153
14,05
FRIULI VENEZIA GIULIA
498
46
10,83
LAZIO
4.700
215
21,86
LIGURIA
749
72
10,4
LOMBARDIA
4.009
355
11,29
MARCHE
963
53
18,17
MOLISE
323
16
20,19
PIEMONTE
1.922
172
11,17
PUGLIA
4.092
236
17,34
SARDEGNA
1.314
87
15,1
SICILIA
5.072
237
21,4
TOSCANA
2.088
112
18,64
UMBRIA
649
35
18,54
VENETO
2.410
155
15,55
totali
42.158
2.386
17,67

(tabella su dati Miur – elaborazione a cura dell’ANP)

Intanto è ormai quasi certo che i 5mila test su cui i candidati potranno esercitarsi saranno pubblicati  nel sito del Ministero non prima degli inizi di settembre.
La data della prova di preselezione sarà resa nota nei prossimi giorni dal Miur, ma in ogni caso è probabile che ormai non se ne parli prima della metà di ottobre.

Icotea