Home Attualità Concorso straordinario ad ottobre. Lo annuncia Lucia Azzolina

Concorso straordinario ad ottobre. Lo annuncia Lucia Azzolina

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Si svolgerà ad ottobre il concorso straordinario per immettere in ruolo 32 mila docenti precari della scuola secondaria. Lo ha detto la Ministra Lucia Azzolina nel corso del suo intervento a Uno Mattina Estate.

Concorso straordinario ad ottobre

La Ministra ha infatti dichiarato che il “concorso straordinario è per 32mila posti e verrà fatto a breve, entro la prima settimana di ottobre o giù di lì

La Ministra ha poi aggiunto: “In un Paese civile i concorsi andrebbero fatti ogni due anni, come succede in Europa. Il nostro obiettivo è svolgere questi concorsi e programmare il fabbisogno“.

Secondo Azzolina, l’avvio del concorso sarà importante “perchè darà stabilità ai nostri docenti e ai nostri studenti“.

ICOTEA_19_dentro articolo

Ci sarà la retrodatazione dei contratti. Ma basterà?

Un aspetto fondamentale che riguarda il concorso straordinario per la scuola secondaria, è la retrodatazione dei contratti che avranno i vincitori: una volta concluso il concorso, questi avranno un’assunzione retrodatata al 1° settembre, significa che pur prendendo servizio in un altro periodo dell’anno il loro contratto a tempo determinato partirà per lo Stato il 1° settembre 2020.

E’ facile notare però che la retrodatazione dei contratti non risolverà il problema: a settembre quei vincitori ancora dovranno sostenere il concorso e quindi, fisicamente chi andrà in aula? Le prove si svolgeranno ad ottobre. Tutto l’iter potrebbe portare diverse settimane, rimandando alle ultime settimane dell’anno, nella migliore delle ipotesi, l’effettiva immissione in ruolo dei precari vincitori. Quindi la retroazione è un’ottimo escamotage per il diritto dei lavoratori, ma alla ripresa di settembre quei docenti non saranno in cattedra.

Saranno chiamati invece i supplenti: in primis quelli provenienti dalla dotazione straordinaria messa a disposizione dal Governo, circa 40 mila docenti che dovrebbero dare man forte per scongiurare il contagio e favorire le attività didattiche con il distanziamento.

Poi ci saranno i supplenti che provengono dalle graduatorie, o meglio: dalle nuove graduatorie provinciali. Sempre che siano pronte per settembre: dato e considerato l’enorme difficoltà che stanno avendo gli aspiranti ad inserire la domanda, non è difficile pensare ad una proroga delle domande oltre il 6 agosto

Quindi, ipotizzando una chiusura delle domande a cavallo con il ferragosto, le nuove graduatorie saranno pronte in poche settimane, per l’avvio delle lezioni dal 14 settembre? 

Se i posti sono occupati dai supplenti, i vincitori che fanno?

A prescindere da tali problematiche, non è chiaro il funzionamento di queste immissioni in ruolo dei precari del concorso straordinario: se svolgeranno la prova ad ottobre e verosimilmente non potranno concludersi le operazioni prima di novembre-dicembre, quando queste saranno ultimate, dove verranno collocati questi nuovi docenti, se nel frattempo all’inizio dell’anno scolastico quelle cattedre a loro destinate in linea teorica sono occupate da altri supplenti?

Incognita stato di emergenza

Bisogna infine capire come si inserirà il concorso straordinario con lo stato di emergenza prorogato al 15 ottobre: con l’attuale stato di emergenza in scadenza il 31 luglio tutte le procedure concorsuali sono state bloccate a causa del lockdown. Adesso bisogna capire cosa si farà per questa ulteriore proroga. E’ vero che la Ministra per la Pubblica Amministrazione Dadone, ha spiegato come cambieranno i concorsi pubblicima non è chiaro se questi cambiamenti saranno adottati in automatico anche per la scuola.

Quindi, ammesso che si voglia procedere nella direzione indicata dalla titolare per la PA, bisognerebbe mettere nero su bianco, per quanto riguarda i concorsi per docenti, le eventuali modifiche. Anche il concorso straordinario.

La nuova prova e la scadenza

Ricordiamo che il “nuovo bando” del concorso straordinario prevede, come stabilito dal decreto scuola, che la prova concorsuale non si svolgerà con i quiz a risposta multipla ma sarà composta da cinque quesiti a risposta aperta e da un quesito, composto da un testo in lingua inglese seguito da  cinque  domande di  comprensione a risposta aperta volte a verificare la capacità di comprensione del testo al livello B2  del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue, per quanto riguarda i posti comuni. I candidati avranno tempo fino al 10 agosto per presentare la domanda.

TUTTO SUL CONCORSO STRAORDINARIO

ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK DEDICATO AL CONCORSO STRAORDINARIO (CLICCA QUI)

Preparazione concorso ordinario inglese