Home Concorsi Concorso straordinario: tutti vincitori e nessuno abilitato?

Concorso straordinario: tutti vincitori e nessuno abilitato?

CONDIVIDI

Come funziona il nuovo concorso straordinario? Ce lo ricordano gli esperti di normativa scolastica Lucio Ficara e Salvatore Pappalardo. Tutti vincitori e nessun abilitato? Il percorso non prevede bocciature, non c’è un voto minimo, ma bisogna impegnarsi per ottenere il migliore punteggio possibile così da ottenere un posizionamento in graduatoria tale da ottenere l’immissione in ruolo.

In altre parole – spiegano gli esperti – tutti saranno inseriti in graduatoria, ma la graduatoria servirà fino a esaurimento dei posti messi a bando. Si pescherà da questo canale fino a esaurimento posti. A seguire, quando verranno esauriti i posti, si avrà la decadenza della graduatoria stessa.

Icotea

L’abilitazione dunque coincide con l’immissione in ruolo per coloro che otterranno il posto; e per gli altri?

Chiarisce Lucio Ficara: “Dobbiamo attendere il contingente dei posti messi a bando, ma non è detto che verranno immessi in ruolo tutti in una solo tornata: sulla base delle finanze dello Stato potrebbe anche accadere che questi posti non vengano dati tutti subito ma nel corso di un paio di anni”.

“Per l’abilitazione il docente dovrà completare con successo tutto il percorso, dal colloquio del concorso al percorso di formazione con l’università; e idem per l’anno di prova. Completato con successo l’intero percorso (grazie allo scorrimento della graduatoria) ci si abiliterà”.

Qualche info normativa

Il concorso straordinario bis, la cui prova doveva sostenersi entro il 15 giugno, è stato avviato con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n° 39  del 17 maggio 2022.

Il bando, previsto dalla legge mille proroghe, trova la sua legittimazione nella sostituzione del comma 9 bis del decreto 73  convertito nella legge 106 del 23 luglio 2021 che ha previsto una procedura concorsuale straordinaria.

Il concorso bandito esclusivamente per regioni e per classi di concorso è riservato ai docenti della scuola di primo e secondo grado.


Il corso

Il corso Costruire una lezione efficace è a cura di Giovanni Morello, in programma dal 20 maggio, utile anche per la preparazione al concorso.