Home Archivio storico 1998-2013 Generico Confindustria premia la creatività imprenditoriale

Confindustria premia la creatività imprenditoriale

CONDIVIDI
webaccademia 2020
La trasformazione dell`energia cinetica del corpo in energia elettrica, denominato ‘Energy Motion’ e realizzato dall’Itis Fermi di Castrovillari; un dispositivo elettrico per la pulizia dei pannelli fotovoltaici, chiamato dall`Itts Volta di Perugia ‘FV Cleaner’; un servizio di tour operator innovativo, il ‘Good Life’, creato dall`Itc Romanazzi di Bari: sono i primi tre classificati del concorso “La tua idea d’impresa, tra 102 progetti presentati, sui quali si sono concentrati la maggior parte dei voti inviati on line da una serie di imprenditori professionisti.
Il progetto, promosso da Confindustria e coordinato da Sistemi Formativi con il patrocinio del ministero dell`Istruzione, ha coinvolto 10 associazioni territoriali, 100 istituti superiori e 3 mila ragazzi: l’obiettivo, centrato, era quello di sviluppare nei partecipante il concetto creativo, seppure sempre legato a determinate regole di mercato, del business.
Il 9 giugno, a Roma, davanti a una platea di studenti provenienti da tutta Italia, gli imprenditori hanno decretato con il voto via internet i tre vincitori fra i 10 finalisti. Erano diversi gli esperti e addetti ai lavori presenti alla premiazione. Secondo Serra, presidente di Sistemi Formativi Confindustria, “stimolando gli istituti tecnici a sviluppare nei programmi scolastici progetti di impresa, possiamo riuscire nell`intento di radicare sul territorio i giovani e le loro iniziative imprenditoriali e garantire così nuove energie alle potenzialità di sviluppo del paese”.
Per Giorgia Bucchioni, vicepresidente dei giovani imprenditori di Confindustria, “latuaideadimpresa è un progetto su cui noi Giovani Imprenditori abbiamo puntato in maniera consapevole e che ha avuto un incredibile successo. Ci auguriamo di svilupparlo in modo più articolato il prossimo anno e chiedo a tutti i ragazzi – ha concluso – di continuare ad esprimere la loro autoimprenditorialità”.
CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese