Home I lettori ci scrivono Coronavirus, passaggio naturale dalla scuola materna alla scuola primaria

Coronavirus, passaggio naturale dalla scuola materna alla scuola primaria

CONDIVIDI
  • Credion

Ogni anno in questo periodo inizia, se non è già iniziata, la preparazione dei bambini per il loro passaggio graduale dalla scuola materna alla scuola elementare. Come ogni fase di transizione, questo è un periodo di cambiamenti significativi per la vita del bambino e dell’intera famiglia. Questo cambiamento è accompagnato da sentimenti contrastanti di anticipazione, gioia, eccitazione, ansia, paura.

La transizione avviene in tre fasi, preparazione, transizione e integrazione. La durata di ogni fase non è possibile da determinare con precisione, poiché dipende da molti aspetti del bambino stesso e del suo ambiente. In ciascuna di queste fasi, il ruolo del genitore è cruciale. Molto di più quest’anno, quando le scuole in tutta Italia rimarranno chiuse e gli insegnanti non saranno in grado di contribuire pienamente a questa transizione.

Icotea

Il primo passo che un genitore deve fare è dare l’esempio al proprio figlio. Aiutarlo ad adattarsi alla nuova realtà, accettando e adottando sin da subito le regole della futura scuola. Adottare per esempio in casa regole relative alla convivenza (ascolto, parlo educatamente, non interrompo, aiuto, condivido) e l’apprendimento (seguo un programma specifico, motivo, organizzo, incoraggio).

Il bambino deve sentirsi al sicuro nella nuova situazione che dovrà affrontare e sentirsi sicuro di esserne capace. Molti bambini potrebbero temere che il nuovo ambiente scolastico sarà molto più difficile, che avranno molti e difficili compiti, che perderanno i loro amici, che i bambini più grandi si prenderanno gioco di loro o li tratteranno male ed in maniera offensiva. Tutte queste ansie e preoccupazioni del bambino devono essere espresse e discusse con i genitori al fine di ridurre la paura e l’ansia.

Quest’anno, a causa delle restrizioni per l’emergenza Covid-19, non è possibile effettuare visite, incontri e attività congiunte per far familiarizzare i bambini della scuola materna con la scuola elementare. E’ utile quindi che i genitori visitino il sito web della scuola primaria con i loro figli, al fine di navigare insieme. Possono vedere le foto dei locali, delle aule e del cortile della nuova scuola. Leggere le nuove lezioni che avranno nel curriculum settimanale e provare ad immaginare con il bambino il materiale e il contenuto di ogni lezione. In questo modo il bambino può essere preparato per il nuovo ambiente ma anche i genitori possono sentirsi più calmi e meno ansiosi.

Un’altra attività utile è la passeggiata con il bambino fuori dalla scuola che frequenterà. Per vedere il cortile insieme e immaginare quanti giocattoli il bambino potrà usare lì. È un’opportunità per parlare della ricreazione, del fatto che il bambino deve ritagliarsi il tempo per giocare, per andare in bagno, per fare colazione, per bere l’acqua, per socializzare con i nuovi compagni e per riposare prima del suono della campanella. Quindi deve imparare a gestire correttamente il suo tempo. Inoltre, i genitori possono ricordare e raccontare al bambino il loro primo giorno di scuola, la loro ansia oppure un episodio divertente che potrebbe essersi verificato nei primi giorni nel nuovo ambiente scolastico. Quando tornano a casa, il bambino può dipingere il cortile della sua scuola, così come gli interni, le aule, i corridoi, usando la sua immaginazione.

Questo periodo, fino all’apertura delle scuole, i genitori possono usarlo per rafforzare, a modo loro, lo sviluppo cognitivo e la prontezza scolastica del bambino per la prima elementare. Andando a fare shopping insieme, possono chiedere al bambino di guardare i segni nei corridoi e leggere le lettere maiuscole sulla confezione del prodotto. Sulla strada, leggere i segni e i nomi delle vie e delle piazze del quartiere. A casa, possono scrivere inviti per i loro amici, che invieranno online, per trovarsi a giocare insieme o in casa o al parco, impostando un giorno, luogo e ora. Leggere insieme e arricchire il vocabolario del bambino attraverso la lettura di semplici oppure sfogliando fiabe, opuscoli, imballaggi per alimenti. Preparare insieme semplici ricette di cucina o pasticceria, in cui il piccolo aiuto cuoco dovrebbe leggere e pesare le quantità degli ingredienti. Ogni notte raccontare la loro giornata, sin dal mattino, aiutando il bambino a comprendere il significato del tempo e della sequenza.

È necessario effettuare una preparazione speciale per i bambini la cui madre è incinta. Il periodo di gravidanza è molto importante ed è necessaria la preparazione del bambino all’arrivo del nuovo fratellino. La nascita di un nuovo figlio è difficile e questo è un grande cambiamento in sé. Pertanto, con ancora maggiore cura e pazienza, i genitori dovrebbero assicurarsi di preparare il bambino a tutti i cambiamenti imminenti della sua vita.

Ogni periodo di transizione è un “ponte” da uno stato della nostra vita a un altro e colpisce l’intera famiglia. È importante che i genitori provino a controllare e ridurre l’ansia, i dubbi e le preoccupazioni, poiché tutto ciò viene immediatamente decodificato dal bambino e crea un senso di insicurezza. Il pensiero positivo e l’ottimismo dei genitori sono essenziali. La profonda convinzione e la fiducia di essere capaci e pronti ad affrontare qualsiasi nuova situazione sono prioritarie. Oggi che i genitori hanno assunto molti ruoli, responsabilità e doveri nei confronti dei propri figli, è importante che si sentano sicuri e trasmettano al bambino un forte messaggio: che si fidano di lui e che sono sempre al suo fianco durante il viaggio e durante il periodo del suo adattamento.

Caterina Konstantinou Vitaloni