Home Personale Coronavirus, sindacato SIDL: tamponi per tutti i docenti che rientrano in servizio

Coronavirus, sindacato SIDL: tamponi per tutti i docenti che rientrano in servizio

CONDIVIDI

“Chiediamo di effettuare i tamponi a tutto il personale scolastico, specialmente al personale docente nell’eventuale rientro in servizio”. La richiesta arriva dal SIDL, sindacato Italiano Diritti dei Lavoratori, che in un proprio comunicato stampa chiede che venga riconosciuto il Rischio Biologico in seguito al CoronaVirus, al quale può esporsi il personale scolastico.

Antonino Barbagallo, segretario Nazionale, dice infatti che “mancano nelle scuole i dispenser di disinfettante per le mani”. E per queste ragioni al personale scolastico, esposto permanentemente al rischio malattie infettive, dovrebbe essere riconosciuta l’indennità di rischio biologico.

Cos’è il rischio biologico

Il rischio biologico detto anchee biorischio si riferisce a sostanze di origine appunto biologica, che possono essere potenzialmente dannose per la salute di qualunque essere vivente. Tra queste sostanze, anche i virus e di conseguenza anche il COVID-19.

ICOTEA_19_dentro articolo

Nuovo Coronavirus: i 10 comportamenti da seguire

Ecco le indicazioni del Ministero della Salute:

  1. Lavati spesso le mani con acqua e sapone o con gel a base alcolica
  2. Evita il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute
  3. Non toccarti occhi, naso e bocca con le mani
  4. Copri bocca e naso con fazzoletti monouso quando starnutisci o tossisci. Se non hai un fazzoletto usa la piega del gomito
  5. Non prendere farmaci antivirali né antibiotici senza la prescrizione del medico
  6. Pulisci le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol
  7. Usa la mascherina solo se sospetti di essere malato o se assisti persone malate
  8. I prodotti MADE IN CHINA e i pacchi ricevuti dalla Cina non sono pericolosi
  9. Gli animali da compagnia non diffondono il nuovo coronavirus
  10. In caso di dubbi non recarti al pronto soccorso, chiama il tuo medico di famiglia e segui le sue indicazioni.

TUTTO SUL CORONAVIRUS