Home Attualità CSPI esprime parere autonomo su Alternanza Scuola Lavoro

CSPI esprime parere autonomo su Alternanza Scuola Lavoro

CONDIVIDI
  • Credion

Il 25 luglio 2018 a Viale Trastevere nel palazzo del Miur c’è stata una seduta del Consiglio superiore della Pubblica Istruzione in cui si è parlato di Alternanza Scuola Lavoro.

Parere autonomo del CSPI su Alternanza Scuola Lavoro

Il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione, nella seduta del 25 luglio 2018, presenta un proprio parere autonomo sulla Alternanza Scuola Lavoro.

Il parere si fonda sull’acquisizione e sull’analisi dei dati ufficiali in possesso dell’Amministrazione comunicati in diverse audizioni.

La prima esigenza, sostiene il parere autonomo del CSPI, sarebbe quella di prevedere una riconsiderazione dell’obbligatorietà del monte ore destinato alle attività di ASL, in favore di una progettazione autonoma delle scuole sia nei contenuti che nel monte ore complessivo. Ciò vale per gli studenti dei percorsi Liceali, Tecnici e Professionali, che potrebbero sperimentare così una didattica laboratoriale di maggiore qualità, ed avere contestualmente un’ulteriore opportunità di approfondimento culturale. Tale autonomia agevolerebbe le scuole – e quindi i docenti e gli studenti – nel co-progettare, sulla base di obiettivi ed esigenze coerenti con il curriculo, esperienze formative di qualità, solamente con soggetti ospitanti seriamente interessati.

A questo fine necessitano risorse adeguate in grado di sostenere e facilitare le attività delle scuole, la partecipazione degli alunni, nonché la collaborazione dei soggetti ospitanti. Tali attività dovranno essere accuratamente ed obbligatoriamente monitorate, garantendo il coinvolgimento di tutte le componenti interessate a partire dagli studenti, anche al fine di predisporre un albo delle imprese di comprovata affidabilità e di rendere note le esperienze compiute più valide sul piano pedagogico, anche per una condivisione di utili informazioni che siano di stimolo e di opportunità.

L’ASL, così interpretata e caratterizzata, rappresenterebbe una opportunità culturale e di esperienza dei soggetti coinvolti, capace di contribuire a rinnovare metodi di lavoro e modalità organizzative nel campo didattico e, contemporaneamente, occasione per una riflessione profonda sulla realtà del lavoro, sulle sue problematiche e anche sui suoi valori.