Home Attualità Esclusa dalla cena di classe perché disabile: i genitori denunciano tutto alla...

Esclusa dalla cena di classe perché disabile: i genitori denunciano tutto alla polizia postale

CONDIVIDI

Esclusa dalla cena di classe perchè disabile. Lo riporta “La Gazzetta di Parma”.

Una famiglia ha denunciato alla polizia postale e al provveditore il sopruso subito dalla figlia, in base a una conversazione scoperta sulla chat di WhatsApp dove hanno trovato vari messaggi da parte di alcune studentesse a una compagna in carrozzina. 

Icotea

“E’ nostra intenzione fare una cena di classe, anche magari per parlare di altro invece che di scuola, e preferiremmo che non ci siano genitori, ma dal momento in cui deve essere presente una figura per te, non vorremmo che tu venissi. Da tutta la classe”. Questo è il messaggio rivolto alla 16enne disabile che risponde alle compagne confermando la sua presenza.

 

{loadposition carta-docente}

 

“Io sono una persona come tutte le altre. Mia mamma esce, poi per andare in giro sola prendo la carrozzina elettrica e quando ho bisogno la chiamo al telefono”. “Ma hai capito il senso del messaggio?”; “Con la comprensione siamo messi un po’ male”; “E poi dobbiamo camminare tanto poi stiamo in centro”; “Perche? non hai detto prima che avevi la carrozzina elettrica? Non siamo andate in gita per questo!”; “Ci prendi per il c*?” sono alcune delle repliche che i genitori leggono increduli il giorno dopo sul telefono della figlia.

I familiari hanno scritto al provveditore Maurizio Bocedi. “E’ necessario che quelle ragazze siano recuperate, rese consapevoli dell’accaduto. Non è un caso personale, è un caso sociale”.

Il dirigente dell’ufficio scolastico provinciale, a Repubblica Parma conferma di essere stato contattato dalla famiglia: “La situazione è arrivata ai nostri uffici”.

Dopodiché spiega che “con la massima urgenza è stata richiesta alla dirigente scolastica della scuola di riferimento una dettagliata relazione sui fatti. Questo prevede la prassi e questo è stato fatto come primo passo. Abbiamo bisogno di avere davanti un quadro della situazione il più chiaro, verificato e preciso possibile rispetto a quello che è successo”.