Home I lettori ci scrivono Giudizi alla primaria? No, meglio il voto numerico

Giudizi alla primaria? No, meglio il voto numerico

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Sono fermamente contrario alla cancellazione del voto numerico nella scuola primaria. Il giudizio è spesso molto ondivago, sottoposto da parte dei genitori a mille interpretazioni, mentre il voto numerico è preciso, secco e non dà adito a valutazioni sommarie.

Il giudizio può essere inteso in maniera molto personale, mentre la valutazione in decimi no.

L’alunno, fin dalle scuola prima deve avere contezza dell’importanza della prova e deve essere convinto se l’ha svolta correttamente o no. Se prende 4 o 5 significa che deve migliorare le sue performance; se prende 6, 7, 8 fino a 10 significa che deve migliorare sempre più per avere il massimo.

ICOTEA_19_dentro articolo

Il giudizio invece non offre all’alunno questa possibilità e lo lascia nell’incertezza assieme al genitore che sicuramente vorrà spiegazioni dall’insegnante.

Ad esempio si sente affermare: “Mio figlio alla verifica scritta o orale ha avuto buono. Ma questo buono a che voto corrisponde?”. E il docente deve dare spiegazioni al genitore e questo non è, a volte, facile.

Per cui lasciamo la valutazione numerica alla scuola primaria perché l’alunno possa avere consapevolezza delle personali capacità e potenzialità.

Mario Bocola

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese