Home Attualità Il latino sta morendo, alle superiori lo studiano solo 4 studenti su...

Il latino sta morendo, alle superiori lo studiano solo 4 studenti su 10. L’appello: rimettiamolo alle medie!

CONDIVIDI
  • GUERINI

La conoscenza del latino aiuta a ragionare e sviluppa la logica, ma sono sempre di più gli studenti che si iscrivono a corsi di studio delle superiori che non contemplano l’antica lingua. La conferma giunge dalle ultime iscrizioni alle superiori: gli unici ragazzi che lo studieranno sono poco più del 40%, ovvero gli iscritti al liceo Scientifico (quasi il 27%, ma escludendo il 10% abbondante che optano per il corso in Scienze applicate), al Classico, al Linguistico e al liceo di Scienze Umane ed Europeo internazionale. Con la tendenza in lenta e costante decrescita.

A rammaricarsi di questo andamento è don Romano Nicolini, da decenni fautore del latino e autore di un breve testo di approccio alla lingua, che ne spiega le basi, creato per i ragazzi che frequentano la scuola media, per tutti coloro che si accingono a frequentare il liceo scientifico e classico o si vogliono avvicinare alla lingua eterna.

Icotea

Allo scientifico è diventato… facoltativo

“È un dato di fatto – dice Nicolini – che la lingua latina sta morendo. In Emilia Romagna solo cinque ragazzi su cento hanno scelto il liceo classico. E nei licei scientifici il latino” sta diventando di fatto “facoltativo”.

Inoltre, l’insegnamento “nelle scuole medie esistono solo per quegli sperdutissimi ragazzi che lasciano i giochi per fare, di pomeriggio, un corso di latino pur sapendo che, se vanno ad un liceo, dovranno ricominciare tutto daccapo”.

Secondo il docente “è la fine. Ma non bisogna arrendersi: combattiamo sino alla fine” contro questa deriva che non fa bene ai nostri giovani.

Perchè studiare il latino alle medie

Don Nicolini sostiene che occorre fare di tutto per trasmettere “le basi della lingua latina, i cosiddetti fondamentali, a tutti gli alunni delle scuole medie, nel contesto della lezione di italiano. Esistono già dei docenti che lo fanno”, ma nella secondaria di primo grado dovrebbe diventare la norma.

Dopo questa esperienza, “chi vuole la approfondirà in un liceo oppure andrà a fare l’operaio: anche se il latino non serve, è utile a tutto poiché è cultura”, conclude Nicolini.

Il libretto gratuito

Chi volesse ricevere gratuitamente una copia del libretto sulle nozioni base del latino, (nel formato italiano-latino e inglese-latino) può farne richiesta scrivendo al dottor Romano Nicolini attraverso la seguente e-mail: [email protected]