Home Attualità Il Pd arretra, il M5S si conferma secondo partito. Lega supera Forza...

Il Pd arretra, il M5S si conferma secondo partito. Lega supera Forza Italia. I numeri

CONDIVIDI
  • Credion

Le elezioni regionali confermano il Partito Democratico del segretario e premier Matteo Renzi come primo partito italiano, ma si tratta di un risultato diverso rispetto a quello di un anno fa con le Europee. Lo scorso anno arrivò l’exploit: più del 40% (che gli permetterebbe da solo la vittoria al primo turno con l’Italicum), ma adesso, secondo le ultime proiezioni, il Pd è il primo partito con il 23,7%; secondo è il M5s con il 18%, terzo la Lega al 12,5%. Forza italia è al 10,7%, Fratelli d’Italia al 4,2%, Area popolare al 3,5%.

Dietro al partito del premier, si posiziona il M5S che riguadagna terreno rispetto alla performance delle Europee e sfata il tabù delle Amministrative. Malgrado la vittoria con il fedelissimo Toti, Forza Italia conferma il calo e cede lo scettro di partito più votato nel centrodestra alla Lega Nord di Salvini.

Icotea

Fi non supera mai il 20%. In Campania è al 18%, in Liguria intorno al 13%, in Puglia al 10,8%. Male  Veneto (5,7%), Umbria e Toscana (8,5%), Marche (9,4%). Il Carroccio va forte nelle roccaforti ma non sfonda nel Meridione In Veneto ottiene il 17% a cui si somma il 24% della lista Zaia. In Liguria il 20%, in Toscana il 16%, in Umbria il 14%, nelle Marche il 13%. Risultati del tutto diversi sotto Roma: la lista Salvini si attesta intorno al 2% in Puglia e non si è presentata in Campania.

Il Pd è al 46% in Toscana, al 35% nelle Marche e in Umbria, al 27% in Liguria, al 20% in Campania e in Puglia (la lista Emiliano è però quasi al 9%), al 16% in Veneto. Il Movimento 5 Stelle è al 22% in Liguria, al 19% nelle Marche, al 18% in Campania, al 16% in Puglia, al 15% in Toscana, al 14% in Umbria e al 10% in Veneto. Bene Fratelli d’Italia che supera il 6% in Umbria e Marche, sfiorando il 5% in Campania. In Puglia il derby all’interno del centrodestra tra Francesco Schittulli (Fitto-Fdi) e Adriana Poli Bortone (Fi-Lega-Pli) vede vincitore il primo (18% contro 14%) ma Forza Italia con il 10,8% supera la lista Fitto ferma al 9,52%.