Home Didattica La scuola di domani: dove siamo arrivati e dove potremo andare. Risorse...

La scuola di domani: dove siamo arrivati e dove potremo andare. Risorse gratuite

CONDIVIDI

Per progettare la scuola del prossimo anno, ma anche per pensare alla scuola futura, perché la scuola del prossimo anno sarà ancora una scuola della emergenza, occorre ripartire da cosa è successo e da dove siamo arrivati. Come ha funzionato nei vari ordini la Didattica a Distanza? Quante scuole hanno raggiunto risultati soddisfacenti per loro, per i ragazzi, per le famiglie? Quali problematiche sono emerse cui prestare attenzione, finita la emergenza. Quali sono stati i maggiori problemi? Quali le soluzioni ragionevoli?
Ma soprattutto con che criteri e metodi scegliere un ambiente di apprendimento e didattica online, quali modelli organizzativi sono sostenibili e proponibili? Tenendo conto che contesto, obiettivi, metodi, strumenti (e organizzazione) sono cose strettamente interconnesse.

Soprattutto: su quali problemi è meglio riflettere ancora o di più?
Alla complessità di queste domande cercheranno di rispondere Stefano Penge, esperto di didattica online, e Rodolfo Marchisio, formatore e animatore della rubrica Educazione civica e cittadinanza digitale per la Tecnica della Scuola, in un doppio appuntamento gratuito ed aperto a tutti “La scuola di domani: dove siamo arrivati e dove potremo andare” con una video intervista a due voci e un webinar il 4 giugno.

Icotea

Nel primo appuntamento, la video intervista, si ragiona a due teste su cosa è successo, su quali problemi sono emersi durante questa esperienza e con che avvertenze metodologico/didattiche, tecniche, educative è meglio affrontare la progettazione della scuola 2020/21.

I temi trattati nei video (3 parti di 20 minuti ca) sono:

  • Didattica, scuola, società – Marchisio
  • Rete strumenti e riflessioni – Penge
  • Crisi, DaD e Cittadinanza – Marchisio

Nel secondo appuntamento, un webinar di approfondimento gratuito, si rifletterà su come debba essere una scuola in cui il digitale entra a far parte, più di prima (vedi indagini su competenze digitali dei docenti e degli allievi), della didattica, della ricerca, di progetti condivisi ed agiti come ambiente di apprendimento a tutti gli effetti. Come luogo di cittadinanza vissuta ed agita e come aspetto essenziale (utile e pericoloso insieme) della cultura attuale.

LA SCUOLA CHE VERRA’

LA TECNICA PER LA SCUOLA

Come fare didattica a distanza: consigli e soluzioni

CORONAVIRUS – TUTTI GLI AGGIORNAMENTI