Home Sicurezza ed edilizia scolastica La sicurezza oltre il terremoto, il 5 aprile premiate le scuole con...

La sicurezza oltre il terremoto, il 5 aprile premiate le scuole con progetti innovativi

CONDIVIDI
  • Credion

Il 5 aprile a Roma presso l’Istituto della Enciclopedia Italiana si svolgerà la XI edizione del Premio per le Buone Pratiche a scuola “Vito Scafidi” promosso da Cittadinanzattiva.

Saranno presenti centodieci scuole che si impegneranno, attraverso la testimonianza diretta dei protagonisti e video-clip, sui temi della sicurezza, dell’educazione al benessere, della cittadinanza attiva.

Icotea

Nell’evento ci sarà una sezione speciale “La scuola oltre il terremoto” dedicata alle iniziative  messe in campo dagli istituti scolastici nelle zone colpite dai recenti  sismi. Inoltre saranno presentate le iniziative realizzate in sedici istituti con il progetto [email protected], sui temi dei corretti stili di vita e del benessere fra i più piccoli.

Nel corso della giornata dedicata a Vito Scafidi, alla presenza degli studenti e di numerosi interlocutori istituzionali, saranno premiate le scuole che hanno realizzato progetti innovativi sul tema della sicurezza a scuola e sul territorio, dell’educazione al benessere e della cittadinanza attiva.

 

{loadposition carta-docente}

 

Un Premio speciale sarà inoltre destinato agli istituti scolastici che hanno affrontato, con iniziative innovative, l’emergenza post-sisma e il percorso verso la ricostruzione della “normalità”.

A tal riguardo, si ricorda che nel novembre del 2008 Vito Scafidi, un giovanissimo studente del liceo scientifico Darwin a Rivoli, morì in seguito al crollo di un soffitto di un’aula.  Nell’incidente altri venti ragazzi rimasero feriti, di cui quattro in gravi condizioni. 

Il giovane frequentava la quarta G e si trovava nella sua classe, al primo piano, durante l’intervallo, quando il soffitto è crollato.  I soffitti delle aule vicine avevano retto ma riportando vistose crepe. La causa del crollo fu un cedimento strutturale, aggravato dal crollo di un tubo di ghisa tra il soffitto e la controsoffittatura.

Da allora, le Buone Pratiche di sicurezza a scuola hanno fatto passi da gigante.