Home Personale Laboratori territoriali per l’occupabilità: proroga al 16 ottobre

Laboratori territoriali per l’occupabilità: proroga al 16 ottobre

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Il MIUR, in considerazione del notevole interesse riscontrato dalle istituzioni scolastiche, ha disposto il differimento del termine di scadenza inizialmente fissato al 7 ottobre, alle ore 23.59 del giorno 16 ottobre 2015, per l’invio all’indirizzo [email protected] delle manifestazioni di interesse per la realizzazione di laboratori territoriali per l’occupabilità da parte delle istituzioni scolastiche ed educative statali secondarie di secondo grado.

I laboratori sono luoghi di incontro, di sperimentazione tra vecchie e nuove professioni e di pratica dell’innovazione in tutte le sue espressioni (tecnologica, sociale e individuale).

ICOTEA_19_dentro articolo

Le scuole possono dotarsi di questi laboratori quali luoghi aperti al territorio per stimolare la crescita professionale, le competenze e l’autoimprenditorialità, coniugando insieme innovazione, istruzione, inclusione, anche attraverso la partecipazione di enti pubblici e locali, camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, università, associazioni, fondazioni, enti di formazione professionale, istituti tecnici superiori e imprese private.

I laboratori territoriali per l’occupabilità si propongono, pertanto, il coinvolgimento sia degli studenti inseriti nei percorsi formali di formazione, sia dei cosiddetti NEET (Not engaged in Education, Employment or Training) e sono finalizzati a favorire la conoscenza, l’inserimento e il reinserimento dei giovani nel mondo del lavoro mediante la valorizzazione delle specificità e delle vocazioni territoriali.

Le proposte possono essere presentate dalle istituzioni scolastiche ed educative statali secondarie di secondo grado, che si costituiscano in reti di almeno 3 scuole (è possibile coinvolgere anche le istituzioni scolastiche paritarie), che prevedano il coinvolgimento di almeno un ente locale del territorio di appartenenza e di un ente pubblico (quali ad esempio università o centri di ricerca e/o studio). È ammesso il coinvolgimento, anche in qualità di soggetti cofinanziatori, di camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, università, associazioni, fondazioni, enti di formazione professionale, istituti tecnici superiori (ITS), nonché di soggetti privati individuati nel rispetto dei principi di parità di trattamento, non discriminazione, libera concorrenza, trasparenza e proporzionalità previsti dalla normativa in materia di contratti pubblici.

Tutte le informazioni sono contenute nella nota prot. 10740 dell’8 settembre 2015 e nelle faq.

 

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese