Home Personale Messa a disposizione, per inviarla il momento è sempre giusto!

Messa a disposizione, per inviarla il momento è sempre giusto!

CONDIVIDI

Sempre più spesso si è sentito dire che l’estate sia il momento meno idoneo per contattare le scuole per la messa a disposizione o che in inverno ci siano poche possibilità di convocazione con le segreterie oberate di lavoro.

Invece è sempre il momento giusto di inviare la propria candidatura con la messa a disposizione perché la macchina burocratica scolastica non si ferma mai.

Ci si può candidare anche nei momenti più impensabili dell’anno. Infatti tra i corsi di recupero e l’inizio del nuovo anno, molti istituti sono alle prese con l’organizzazione didattica ed è noto che sempre più spesso le scuole sono costrette a ricorrere alle candidature esterne tali corsi possono (ma non devono) essere tenuti dai docenti in servizio.

ICOTEA_19_dentro articolo

Si tratta di una buona possibilità di lavoro, utile per inserirsi nel mondo della scuola e guadagnare insegnando. Infatti l’attività svolta sarà retribuita con circa 50 euro lordi per ogni ora di lezione.

Messa a disposizione, le info utili

laureati non abilitati possono produrre domanda di Messa a disposizione, ovvero possono dare la propria disponibilità a coprire eventuali posti vacanti in qualità di supplenti tramite una semplice istanza da inviare alle scuole.

Infatti, la messa a disposizione, non è altro che una candidatura spontanea al fine di essere chiamati per sostituzioni, supplenze di breve durata e corsi di recupero.

Come presentare la Messa a disposizione?

La domanda di Messa a disposizione (MAD) deve essere redatta in modo formale e contenere i dati importanti del docente e può essere inviata alle scuole.

Su www.messa-a-disposizione.it trovi tutte le informazioni utili per redigere in maniera corretta e professionale la tua candidatura, anche per i posti di sostegno.

MAD Online è l’unico servizio italiano che ti permette di provare gratuitamente quanto offre per 15 giorni e per generare fino a 10 candidature.

Se sarai soddisfatto della tua prova, potrai scegliere se abbonarti: con un investimento di poche decine di euro potrai inviare singolarmente le tue domande in tutte le scuole d’Italia statali, oltre 10.000 paritarie e le scuole italiane all’estero per l’intero anno scolastico sia per il sostegno che per le tue classi di concorso e posti ATA.

Puoi contattare lo staff di Scuola Web Italia, la società che ha ideato la piattaforma, per avere assistenza tramite chat, telefono, e-mail e gruppo Facebook.

Iscriviti gratuitamente e senza impegno su www.messa-a-disposizione.it, la piattaforma più economica, sicura e trasparente, e candidati in tutte le scuole di tuo interesse.

La domanda, per essere valida, deve essere inoltrata presso la sede dove è presente il dirigente scolastico e non alle sedi succursali o distaccate in cui lo stesso è reggente.

Inoltre, per scrivere una MAD efficace, è bene indicare con precisione i dati anagrafici, i titoli conseguiti e le esperienze eventuali maturate a scuola, oltre ad indicare la classe di concorso.

Consigliamo sempre di allegare alla MAD un CV formato europeo più altre eventuali certificazioni.

Pubbliredazionale