Home Mobilità Mobilità scuola primaria, spunta l’ipotesi di rifarla?

Mobilità scuola primaria, spunta l’ipotesi di rifarla?

CONDIVIDI

Il problema dei troppi errori commessi in fase di elaborazione degli esiti dei trasferimenti della fase B, C e D della scuola primaria, sta creando enormi disagi al Miur.

Come prontamente registrato dalla nostra testata giornalistica, il ritardo della mobilità della scuola primaria delle fasi B, C e D, sarebbe stato di natura tecnica ed avrebbe generato un numero rilevante di errori. Il Miur rispetto alle nostre indiscrezioni, ha tenuto a precisare che: “contrariamente a quanto riportato non sono stati riscontrati errori. La procedura, come da contratto per la mobilità, è molto complessa e prevede più fasi. Ognuna delle quali si sta svolgendo regolarmente. I soli record prodotti per la primaria sono oltre 9 milioni tenendo conto, appunto, dell’intera procedura”.

Icotea

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS

 

{loadposition bonus}

  

Oggi con il senno di poi, sembrerebbe che non si sia trattato soltanto di una complessità procedurale e contrattuale, ma di veri e propri errori di carattere algoritmico. Infatti, i sindacati nazionali e le sedi locali di tutta Italia, stanno provvedendo a fare un numero elevatissimo di reclami ai vari uffici scolastici: si tratta di una quantità di reclami anomala, che mette in risalto il probabile malfunzionamento del sistema informatico a livello di programmazione e non solo di elaborazione dei dati.

Intanto, si è arenata anche la fase delle utilizzazioni e assegnazioni provvisorie da attuare sull’organico di fatto della scuola primaria, infatti sulla piattaforma delle istanze online, contrariamente a quanto era stato detto, non è stato attivato il format per tali utilizzazioni e assegnazioni provvisorie.

I sindacati stanno chiedendo un atto di coraggio e di responsabilità al Miur, ritirando la pubblicazione degli esiti della fase B, C e D della mobilità della scuola primaria e la loro rielaborazione corretta. In buona sostanza c’è l’esigenza di correggere questi trasferimenti, per potere avviare le operazioni di utilizzazione e assegnazione provvisoria. Si attende anche il comunicato del Miur al riguardo con la proroga dei tempi di presentazione delle suddette istanze.

Questo caos rischia di creare anche un grave disagio a quelle scuole impegnate nella valutazione della scelta dei docenti titolari di ambito da incaricare triennalmente sulla scuola. Perchè gli errori della mobilità hanno alte chances di creare un disagio a catena sulle domande della mobilità annuale e sulla famigerata chiamata diretta. Attendiamo di capire come si muoverà il Miur per evitare altri disagi e problematiche.