Home Archivio storico 1998-2013 Generico Partnership Ikea-Unicef: progetti per i bambini dell’India

Partnership Ikea-Unicef: progetti per i bambini dell’India

CONDIVIDI
webaccademia 2020
La partnership è stata inizialmente lanciata con una campagna pionieristica, volta apromuovere i diritti dei bambini che vivono nella zona definita “cintura dei tappeti” nello Uttar Pradesh, lo Stato più popoloso dell’India. Nel 2006, la collaborazione si è estesa anche a progetti contro il lavoro minorile nello Stato di Andhra Pradesh, dove si produce cotone. Nel 2008, con l’obiettivo di promuovere i diritti dei bambini, la sopravvivenza infantile, la crescita e lo sviluppo, la partnership è stata estesa anche ad altri 15 Stati del Paese, dove oltre 28 milioni di bambini sono sfruttati nel circuito del lavoro minorile e dove, ogni giorno, circa 4.700 piccoli sotto i cinque anni di età perdono la vita.
Anthony Lake, direttore generale dell’Unicef, ha dichiarato: “Un numero sempre maggiore di bambini staricevendo il nutrimento necessario per sopravvivere e crescere in salute, ha accesso all’acqua potabile e a servizi igienici adeguati e sta frequentando le scuole invece di essere vittima di sfruttamento a causa dilavori illegali. L’Unicef guarda con grande favore al prossimo decennio di questa straordinaria partnership con Ikea“.
 
La collaborazione tra Governo indiano, Ikea Foundation e Unicef India ha contribuito a raggiungere, nell’ultimo decennio, alcuni dei seguenti risultati: 
 
Salute ed Igiene: lotta contro la malnutrizione e contro la mancanza di acqua e servizi igienico- sanitari:
         370.000 i bambini sottoposti a controlli contro la malnutrizione e 56.500 i bambini curati.
         2,14 milioni le donne a cui sono stati spiegati i benefici dell’allattamento al seno dei propribambini.
         32 milioni le case ora provviste di servizi igienici; il 67% delle scuole ha accesso a servizi igienici, acqua potabile e acqua corrente.
 
Diritti dei bambini e Istruzione: fornire un’istruzione di qualità per combattere il lavoro minorile:
         glistudenti di 13.120 scuole possono beneficiare di insegnanti di nuova formazione e di migliori curricula didattici
         15.000 bambini che vivono nelle aree “dei tappeti” e “del cotone” possono frequentare
         scuole regolari dopo aver imparato le nozioni di base di lettura, scrittura e matematica nelle cosiddette “scuole ponte”
         sono stati istituiti 600 nuovi Comitati di Protezione dei Minorenni per porre fine al lavoro minorile
         più di 500.000 funzionari, leader e membri della comunità sono stati formati con l’obiettivo di proteggere i bambini.
          
Ikea Foundation e Unicef stanno lavorando insieme per promuovere i diritti dei bambini e combattere le cause del lavoro minorile in diversi stati indiani. Attraverso la famosa “Soft Toys Education Campaign”, la Fondazione Ikea supporta anche i programmi Unicef “Scuole per l’Africa” e “Scuole per l’Asia”.
 
Per ulteriori informazioni: http://www.unicef.it/ .
CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese