Home Didattica Perché sperimentare il coding nelle scuole italiane?

Perché sperimentare il coding nelle scuole italiane?

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Nel sito web di Programma il futuro, il progetto (che fa parte del programma de La Buona Scuola ) dove il Miur, in collaborazione con il CINI – Consorzio Interuniversitario Nazionale per l’Informatica, cerca di raggiungere l’obiettivo di fornire alle scuole una serie di strumenti semplici, divertenti e facilmente accessibili per formare gli studenti ai concetti di base dell’informatica, viene spiegato il perché sperimentare il coding nelle scuole italiane: “Nel mondo odierno i computer sono dovunque e costituiscono un potente strumento di aiuto per le persone. Per essere culturalmente preparato a qualunque lavoro uno studente di adesso vorrà fare da grande è indispensabile quindi una comprensione dei concetti di base dell’informatica. Esattamente com’è accaduto in passato per la matematica, la fisica, la biologia e la chimica.Il lato scientifico – culturale dell’informatica, definito anche pensiero computazionale, aiuta a sviluppare competenze logiche e capacità di risolvere problemi in modo creativo ed efficiente, qualità che sono importanti per tutti i futuri cittadini. Il modo più semplice e divertente di sviluppare il pensiero computazionale è attraverso la programmazione (coding?) in un contesto di gioco”.

Preparazione concorso ordinario inglese