Home Personale Permessi studio Veneto in caso di tardiva attivazione dei corsi 24 CFU

Permessi studio Veneto in caso di tardiva attivazione dei corsi 24 CFU

CONDIVIDI

L’U.S.R. per il Veneto ha fornito alcune precisazioni in merito ai permessi per il diritto allo studio anno solare 2018 in caso di tardiva attivazione dei corsi, da parte degli Atenei della Regione, per il conseguimento dei 24 CFU necessari per l’accesso al concorso di docente nella scuola secondaria di primo e secondo grado.

Alcuni Atenei non hanno infatti ancora attivato alcuni corsi, fissando la data di conclusione per l’immatricolazione a dicembre inoltrato o addirittura a gennaio 2018.

Poiché attendere la conclusione delle immatricolazioni in tutti gli Atenei del Veneto comporterebbe dei problemi per tutti gli altri aspiranti che hanno diritto a fruire dei permessi per diritto allo studio a decorrere dal 1° gennaio 2018, l’U.S.R. comunica che le scuole possono accogliere le domande di permessi diritto allo studio, finalizzate alla frequenza di tali corsi, degli aspiranti che risultano già iscritti alla data del 30 novembre 2017.

ICOTEA_19_dentro articolo

Dopo l’approvazione della graduatoria provinciale definitiva dei beneficiari dei permessi diritto allo studio per l’anno solare 2018, gli aspiranti che si sono iscritti ai corsi in questione dopo il 30 novembre 2017 potranno presentare specifica domanda che sarà accolta nei limiti della capienza del contingente provinciale.

Per i corsi erogati in modalità telematica, l’Ufficio scolastico ricorda che, secondo il CCIR sottoscritto il 31 ottobre 2017, il dipendente deve attestare, con dichiarazione redatta sotto la propria responsabilità ai sensi dell’art. 46 e 47 del DPR 445/2000, l’avvenuta partecipazione alle lezioni online durante l’orario di lavoro nonché l’impossibilità di collegarsi in orario diverso da quello di servizio.