Home Personale Personale Ata 2021, gli aspiranti inseriti in graduatoria di terza fascia possono...

Personale Ata 2021, gli aspiranti inseriti in graduatoria di terza fascia possono cambiare provincia?

CONDIVIDI

Nell’appuntamento di Tecnica della scuola Live del 20 gennaio si è parlato delle graduatorie di terza fascia del personale Ata. Una delle domande più frequenti che arrivano dai nostri lettori: gli aspiranti già inseriti in graduatoria di terza fascia possono cambiare provincia? Ha risposto il nostro esperto di diritto scolastico, l’avvocato Dino Caudullo.

“Bisogna premettere che queste graduatorie di istituto andranno a sostituire integralmente le precedenti. Trattandosi di una ricostituzione delle graduatorie, gli interessati possono essere o chi non è mai stato inserito nelle graduatorie di istituto di terza fascia del personale Ata, e in questo caso il candidato può scegliere una sola provincia; oppure può essere interessato chi era inserito nelle precedenti graduatorie di istituto di validità triennale, e in questo caso è possibile spostare la provincia di inserimento, come graduatoria di istituto.”

Icotea

Una particolarità

Tuttavia, l’avvocato chiarisce: “L’unica particolarità riguarda chi è inserito nelle graduatorie provinciali permanenti o nelle graduatorie provinciali a esaurimento per il profilo di collaboratore scolastico e quindi nelle rispettive graduatorie di istituto. In questo caso – spiega l’esperto – per potere effettuare il cambio di provincia occorre chiedere la cancellazione dalle graduatorie provinciali così da optare per un’altra provincia in cui si verrà inseriti solo nelle graduatorie di istituto.”

In altre parole, “visto lo stretto collegamento tra le graduatorie privinciali e quelle di istituto, solo con la richiesta di depennamento dalle graduatorie provinciali dove si è inseriti già per una provincia, si potrà richiedere di essere inseriti nelle graduatorie di istituto in un’altra provicnia.”

Quale vantaggio da una simile procedura? Si tratta di ragioni di opportunità, afferma l’avvocato. Infatti sta al singolo interessato “valutare se in un’altra provincia si hanno più opportunità di lavoro. Se così fosse, si opterà per abbandonare le graduatorie provinciali in una provincia A per giocare con maggiori chances nelle graduatorie di istituto nella provincia B e maturare i 24 mesi di servizio che consentiranno di essere reinseriti successivamente nelle graduatorie provinciali.”

Rivedi la diretta

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook