Home Contabilità e bilancio PON 2014-2020, nel mese di giugno due scadenze da ricordare per accedere...

PON 2014-2020, nel mese di giugno due scadenze da ricordare per accedere a nuovi finanziamenti

CONDIVIDI

Le scuole potranno aderire a due avvisi PON in scadenza del mese di giugno.

Il primo è il PON “Socialità, apprendimenti e accoglienza”: la nota del MI si riferisce in particolare ad interventi volti a migliorare le competenze di base e a ridurre il divario digitale, nonché a promuovere iniziative per gli apprendimenti, l’aggregazione, la socialità, l’accoglienza e la vita di gruppo delle studentesse e degli studenti e degli adulti, anche in coerenza con quanto previsto nel Piano Scuola Estate 2022.

Icotea

Il massimale di spesa riconosciuto a ciascuna istituzione scolastica statale o paritaria non commerciale è definito in base al numero di studenti risultanti dall’anagrafica SIDI:

È prevista la possibilità di coinvolgere soggetti pubblici e privati, quali amministrazioni centrali e locali, associazioni, fondazioni, enti del terzo settore, università, centri di ricerca, reti già presenti a livello locale…

Possono partecipare le scuole del primo e secondo ciclo e i CPIA.

Le candidature si potranno inviare entro le ore 15 di oggi, 1° giugno 2022.

SCARICA LA NOTA

Manuale Operativo Avviso

Guida alla presentazione della candidatura

Il secondo è il PON Ambienti didattici innovativi per le scuole dell’infanzia. L’obiettivo è promuovere l’innovazione didattica con la creazione, anche nelle scuole dei più piccoli, di ambienti e spazi innovativi, che garantiscano sicurezza, accessibilità, inclusività, flessibilità, nel rispetto dei principi di sostenibilità ambientale, e con arredi che consentano la riconfigurazione dello spazio sulla base delle attività di volta in volta previste. 

Potranno partecipare all’avviso le istituzioni scolastiche statali con sezioni di scuola per l’infanzia attive, appartenenti alle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto. Gli interventi dovranno essere realizzati, collaudati e conclusi con tempestività e comunque entro il 31 dicembre 2022. 

Per ottenere fino ad un massimo di 75.000 euro per istituto, le scuole interessate dovranno presentare domanda entro le ore 12 del 17 giugno 2022.

SCARICA LA NOTA