Home Personale Reclutamento docenti: a settembre stimate 100 mila cattedre vacanti. 2 su 10...

Reclutamento docenti: a settembre stimate 100 mila cattedre vacanti. 2 su 10 in Lombardia

CONDIVIDI
  • Credion

Il Sole 24 Ore, sulla base di stime anticipate alla testata economica da Cisl scuola, informa che per settembre saranno circa 100mila le cattedre vacanti, delle quali il 60% nel nord Italia, da Bologna in su.

Terminate le operazioni di pensionamento (circa 30mila cessazioni di docenti, i posti vacanti al 1° settembre per i professori sfiorano i 100mila, inclusi i 5mila in più sul sostegno della scorsa manovra. La fetta principale delle disponibilità, oltre 20mila, è come sempre in Lombardia, precisa il Sole 24 Ore.

Icotea

Una fotografia in corso d’aggiornamento, che si metterà a fuoco meglio quando il 7 giugno verranno pubblicati gli esiti delle richieste di trasferimento, le cui oltre 90mila domande si sono chiuse nei giorni scorsi e comporteranno l’ennesima mobilitazione verso sud.

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook

Il tavolo sul reclutamento docenti

Intanto un tavolo di confronto sul reclutamento del personale docente della scuola si svolgerà oggi 19 aprile tra le organizzazioni sindacali e il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi. Nel corso della riunione potrebbero trovare spazio anche le questioni relative alla riapertura delle scuole.

La nota sulla riapertura scuole dei sindacati

Occorre anzitutto aggiornare i protocolli di sicurezza, peraltro mai puntualmente applicati, che sono fermi all’estate del 2020; poi occorre attivare un’efficace azione di tracciamento, potenziare i trasporti (che sono il luogo dove le persone che frequentano la scuola corrono i rischi maggiori di contagio) e, soprattutto, occorre consentire che le scuole – supportate dagli uffici scolastici regionali, e non più costrette a seguire le discutibili decisioni delle Regioni, fin qui dimostratesi ampiamente non all’altezza – possano auto organizzarsi circa gli orari di ingresso e di uscita, la durata delle lezioni e quant’altro occorra per garantire il lavoro e le lezioni in sicurezza.
E infine è indispensabile, non appena esaurite le attuali priorità vaccinali stabilite dal Governo, riprendere subito e portare rapidamente a termine la vaccinazione del personale scolastico.

LEGGI ANCHE