Home Personale Riforma PA, Madia: ora nuovo contratto, assunzioni e sanzioni adeguate

Riforma PA, Madia: ora nuovo contratto, assunzioni e sanzioni adeguate

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Con l’approvazione del Cdm della riforma del pubblico impiego “abbiamo le carte in regola”, dal punto di vista normativo, per lo sblocco dei contratti.

È entusiasta la ministra della Funzione Pubblica, Marianna Madia, a seguito del sì da parte del Governo a al nuovo Testo unico del pubblico impiego e al decreto che rivedere la valutazione delle performance.

ICOTEA_19_dentro articolo

Secondo Madia, porteranno diversi effetti benefici. Tra cui assunzioni ‘extra’ per i precari, un codice dei licenziamenti, la creazione del polo unico Inps per le visite fiscali e il riordino della valutazione. Oltre che il rinnovo del contratto del pubblico impiego, scuola compresa.

“I due decreti approvati mi consentiranno di dare la direttiva all’Aran e riaprire una normale stagione contrattuale“, conferma la Madia. Sottolineando anche che “la legislazione ereditata non ci consentiva” lo sblocco.

 

{loadposition carta-docente}

 

I decreti approvati dal Cdm, continua la responsabile della P.A., sono stati “valorizzati” rispetto alla versione iniziale, sulla base delle indicazioni arrivate “con i pareri parlamentari e l’intesa” raggiunta in Conferenza Stato-Regioni, come previsto dalla sentenza della Consulta sulla delega PA. Sentenza, tiene a precisare Madia, “che non ha bocciato la riforma”.

La ministra ha poi elencato le novità principali: “ci lasciamo alle spalle il cattivo reclutamento, si passa dalle piante organiche ai fabbisogni, superiamo i premi a pioggia pur differenziando la valutazione, rendiamo efficaci le sanzioni“.

A proposito dell’altissimo numero di impiegati mai stabilizzati, Madia ha detto che con il doppio decreto approvato oggi per la P.A. “superiamo il precariato e il cattivo reclutamento ereditato”: adesso, quindi, “abbiamo bisogno di riaprire le assunzioni nel pubblico impiego, far entrare i giovani ma non di qualunque professionalità, di quelle che servono, per far arrivare servizi ai cittadini

Ma la riforma del pubblico darà anche maggiore “efficacia alle sanzioni: vizi formali non annullano le sanzioni se un dipendete ha sbagliato“, ha concluso Madia.

 

{loadposition facebook}

Preparazione concorso ordinario inglese