Home Personale Rinnovo Rsu, la Cisl Scuola fa il pieno di consensi

Rinnovo Rsu, la Cisl Scuola fa il pieno di consensi

CONDIVIDI

Si delineano i dati definitivi, o quasi, della recente tornata elettorale di metà aprile, per il rinnovo della RSU nel comparto Scuola.

In attesa del quadro definitivo nazionale, abbiamo analizzato i dati parziali inviatici da alcune segreterie provinciali e regionali della Cisl Scuola che, sebbene sulla base di numeri ancora non definitivi, su scala nazionale supera la soglia dei 200.000 voti.

Punte che superano il 40%

Netta la prevalenza delle liste Cisl nelle province di Pordenone, Bergamo e Pavia dove i segretari Antonella Piccolo, Salvo Inglima ed Elena Maga registrano alte percentuali di consensi, con punte del 43,19% a Bergamo e 40,79% a Pavia.

ICOTEA_19_dentro articolo

In Sardegna la Cisl Scuola si attesta quale prima forza sindacale del comparto, con una percentuale che va assestandosi verso il 24,58%, con ben 6.031 preferenze (dato fornito dalla Segretaria di Sassari Lilli Serra), mentre in Sicilia la segretaria regionale Francesca Bellia (in foto con la segretaria nazionale Lena Gissi) registra un incremento del 2,50% ed è quasi un testa a testa con la Cgil che rispetto alla precedente tornata elettorale vede calare i consensi.

A Palermo la Cisl Scuola si impone quale prima forza sindacale per numero di candidati eletti con un 28,21% di consensi.

Ottimi risultati in Piemonte e Veneto

Nell’area metropolitana di Torino la segreteria guidata da Teresa Olivieri registra ben 7.500 preferenze, quasi 1.000 in più rispetto al 2015, mentre a livello regionale la Cisl Scuola piemontese con la segretaria Maria Grazia Penna si impone quale prima forza sindacale.

Dal Veneto infine, Stefania Botton, segretaria di Padova e Rovigo, segnala uno storico primato della Cisl Scuola in provincia di Padova che dopo ben 18 anni supera la CGIL con il 25,37% dei consensi.

Si profila quindi un ottimo risultato per il sindacato guidato da Lena Gissi che, sebbene a dati ancora parziali, registra un sensibile incremento rispetto ai risultati delle elezioni del 2015.