Home Sicurezza ed edilizia scolastica Sicurezza, rischio elettrico: i danni all’organismo

Sicurezza, rischio elettrico: i danni all’organismo

CONDIVIDI

Il Titolo III del D. Lgs. 81/08, al Capo III “Impianti e apparecchiature elettriche”, riprende e sviluppa gli obblighi del datore di lavoro connessi alla presenza e valutazione del rischio elettrico: appare rilevante l’esplicito obbligo introdotto dall’art. 80 “Obblighi del datore di lavoro”, comma 2, a carico del datore di lavoro (nella scuola il Dirigente scolastico), di valutare i rischi di natura elettrica connessi con la presenza di impianti e apparecchi elettrici, tenendo in considerazione tre principali aspetti (https://www.tecnicadellascuola.it/il-rischio-elettrico-nelle-scuole):

  • le condizioni e le caratteristiche specifiche del lavoro considerando eventuali interferenze (e conseguenti rischi interferenti);
  • i rischi elettrici presenti nel luogo di lavoro;
  • tutte le condizioni di esercizio prevedibili degli impianti ed apparecchi elettrici.

Sempre nella valutazione del rischio elettrico, l’art 80 del D.Lgs 81/08, indica prima di tutto le diverse tipologie di pericolo che possono presentarsi, distinguendo tra contatto elettrico diretto (quando la scarica viene trasmessa al corpo direttamente da un conduttore) e quello indiretto (quando vi è passaggio di corrente attraverso una carcassa metallica).

Gli eventuali danni all’organismo che possono verificarsi in seguito ad un incidente di natura elettrica, variano in base alla durata dell’esposizione, alla frequenza ed all’intensità della corrente elettrica (https://www.anfos.it/sicurezza/rischio-elettrico/).

ICOTEA_19_dentro articolo

Si parla di folgorazione (o elettrocuzione)  nel caso in cui vi sia passaggio di corrente attraverso il corpo, in questo caso si possono manifestare danni cardiaci (fibrillazione), muscolari (tetanizzazione) e nervosi con seria compromissione delle funzioni sensitive e motorie.

Infine, nel caso in cui si abbiano contatti brevi, i danni all’organismo sono meno significativi, infatti questi sono generalmente localizzati nel punto di contatto e possono manifestarsi con ustioni locali o ipersensibilizzazione della zona colpita dalla scarica.