Home Sicurezza ed edilizia scolastica Consigli pratici per ridurre il rischio elettrico in una scuola

Consigli pratici per ridurre il rischio elettrico in una scuola

CONDIVIDI

Il rischio elettrico deriva dagli effetti e dai danni che la corrente elettrica può provocare sul corpo umano, a causa del contatto fisico tra persona e parti sotto tensione elettrica.

Malfunzionamenti degli apparati e delle attrezzature elettriche, così come utilizzi impropri, risultano essere la prima causa di innesco di incendi; ovunque vi sia quindi la presenza di un rischio di tipo elettrico, esiste la possibilità che si sviluppi un incendio e quindi scatta automaticamente l’obbligo della relativa valutazione.

La valutazione del rischio elettrico quindi deve tenere in considerazione diversi elementi, partendo dalle fonti di rischio primarie (impianti ed apparati) e senza trascurare le condizioni specifiche e le caratteristiche del luogo di lavoro nonché dei processi lavorativi che possano eventualmente causare interferenze.

ICOTEA_19_dentro articolo

Per ridurre tale rischio si propongono alcuni consigli pratici:

  • prima di effettuare il collegamento, controllare sempre le condizioni generali dell’apparecchiatura (cavo elettrico non deteriorato, assenza di possibilità di contatti diretti con conduttori scoperti, integrità della carcassa dell’apparecchiatura);
  • le prolunghe possono essere fonte di pericolo se non usate con attenzione: fare attenzione che le prolunghe e i cavi di alimentazione non siano messi a contatto con spigoli od oggetti che possono lacerarli;
  • le prolunghe vanno sempre rimosse dopo l’uso estraendo la spina dalla presa a muro senza tirare il cavo;
  • evitare di alimentare contemporaneamente più apparecchi da una sola presa; in caso di necessità non utilizzare la spina multipla, ma la così detta “ciabatta”;
  • non collegare spine non compatibili con le prese installate (si danneggia la presa e viene a mancare il collegamento a terra dell’apparecchio);
  • in caso di anomalie dell’impianto elettrico (avarie delle apparecchiature, corto circuito, odore di plastica bruciata e presenza di fumo fuoruscito da apparecchiature o prese, prese staccate dal muro, fili con guaina di isolamento danneggiata, ecc.), chiedere l’intervento di personale specializzato;
  • non lasciare mai portalampade privi di lampada per evitare il rischio di contatti con parti in tensione;
  • il cavo di una apparecchiatura non deve giungere alla presa restando teso, né sospeso in una via di passaggio;
  • disinserire le macchine e gli apparecchi elettrici al termine dell’orario di lavoro.