Home Archivio storico 1998-2013 Tirocinio formativo attivo Sui quesiti sbagliati Tfa deciderà una commissione del Miur

Sui quesiti sbagliati Tfa deciderà una commissione del Miur

CONDIVIDI
webaccademia 2020

I quiz somministrati ai candidati contengono alcune domande errate e altre quantomeno ambigue. Su ciascuna di queste la commissione deciderà se considerare valida qualsiasi risposta (c’è un precedente in questo senso) o addirittura annullare l’intero test. Che, ferie o non ferie, andrà quindi ripetuto.
Oltre alle domande errate, esaminate dal prof. Luciano Canfora, molti siti, blog e forum, scrive ancora il Corriere, pullulano di contestazioni.
Una lettera con oltre 162 firme (ma il numero è in costante aumento) è stata inviata direttamente al ministro Profumo. Sono le segnalazioni di un gruppo di laureati in Spagnolo che hanno rilevato nel test della classe di concorso A445 – A446 sei domande ambigue.
Ed un errore: chi ha compilato il testo avrebbe confuso la Comunità europea con il Consiglio d’Europa. Gli informatici che hanno invece sostenuto il test per l’A042, hanno invece rivelato che a più di un quesito sarebbe consentita (se non consigliata) una risposta diversa da quella indicata come esatta. In un quesito di Matematica (classe A047), sarebbe saltato un segno +, il che ovviamente ha creato qualche confusione. Molto dibattuti anche i quesiti per chi aspira a diventare insegnante di Educazione Fisica (classe A029 – A030). Nella fattispecie sarebbe sbagliata la sequenza degli stili nei 400 misti (errore che sotto Olimpiadi suona ancora più grave). 
Tra i molti dubbi, una questione lessicale turba il sonno degli aspiranti docenti di tedesco. Che hanno rilevato come una parola in particolare si presti ad una duplice interpretazione. «Nachkriegszeit» vuol dire letteralmente periodo post-bellico, dopoguerra. Ma alcuni traducono riferendosi alla fase che ha immediatamente seguito la seconda guerra mondiale. 
Altri come tutto ciò che è accaduto dalla la guerra ai giorni nostri. Azzeccando la risposta esatta. «Ma siamo a scuola o a Chi vuol essere milionario», si domandano su twitter e Facebook i candidati.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese