Home Personale Supplenze. Organico Covid, ecco a chi spetta il rinnovo del contratto, secondo...

Supplenze. Organico Covid, ecco a chi spetta il rinnovo del contratto, secondo la manovra di bilancio

CONDIVIDI

Come abbiamo anticipato, il Cdm ha approvato il documento programmatico propedeutico alla Legge di bilancio, prevedendo, per la scuola, il rinnovo fino a giugno 2022 dei contratti di supplenza del cosiddetto organico Covid, il personale scolastico assunto durante l’emergenza da pandemia.

A chi spetta il rinnovo del contratto? Chi è l’organico Covid?

In particolare, si tratta di:
• incarichi di personale docente con contratto a tempo determinato, finalizzati al recupero degli apprendimenti, da impiegare in base alle esigenze delle istituzioni scolastiche nell’ambito della loro autonomia;
• incarichi di personale ATA con contratto a tempo determinato, per finalità connesse all’emergenza epidemiologica.

Icotea

I principali dati sull’organico Covid ci provengono dal Focus del Ministero dell’Istruzione, che fa il punto sull’avvio dell’anno Scolastico 2021/2022.

SCARICA IL FOCUS

Dal documento ministeriale è possibile leggere quali sono i fondi destinati alle regioni per gli incarichi temporanei necessari per l’avvio dell’anno scolastico 2021/2022. Fondi in grado di coprire il fabbisogno di docenti e Ata fino a dicembre, ma che il Governo ha appena stabilito di accrescere con la proroga dei contratti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 3-1.png

Con quali criteri l’organico Covid è stato distribuito regione per regione?

Come abbiamo spiegato di recente, il Ministero affida le risorse destinate all’organico Covid agli uffici scolastici regionali, i quali poi individuano le istituzioni scolastiche che rientrano nei criteri indicati a livello di amministrazione centrale.

I criteri per l’attribuzione dell’organico Covid

In tabella le quote ripartite regione per regione, sulla base dei cinque criteri indicati dal Ministero dell’Istruzione:

  1. numero di alunni,
  2. classi con numerosità superiore ai 23 alunni,
  3. indice di fragilità,
  4. elemento perequativo rispetto alle spese relative all’anno scolastico precedente,
  5. scuole con almeno 5 classi aventi più di 26/27 alunni.

La ripartizione delle risorse

Riepiloghiamo le modalità con cui sono state ripartire le risorse destinate all’organico Covid secondo il Focus del Ministero dell’Istruzione.

350 milioni di euro:

  • per il 50% in funzione dell’incidenza del numero degli alunni;
  • per il 20% in base alla presenza di classi con numerosità superiore ai 23 alunni;
  • per il 30%, in funzione dell’indice di fragilità.

50 milioni di euro:

quale elemento perequativo, con l’obiettivo di garantire che ciascun ufficio scolastico regionale percepisca una somma corrispondente almeno alla spesa realizzata nel periodo settembre-dicembre 2020 per le finalità di cui all’art. 231-bis D.L. 34/2020.

22 milioni di euro:

quale elemento per garantire la copertura di risorse umane per le istituzioni scolastiche che presentano almeno cinque classi con più di 26 alunni (per le scuole primarie e le scuole secondarie di I grado) e 27 alunni (per le scuole secondarie di II grado).