Home Politica scolastica Toccafondi: nessun riconoscimento alle scuole che escludono i disabili

Toccafondi: nessun riconoscimento alle scuole che escludono i disabili

CONDIVIDI

Sulla vicenda della scuola svizzera di Milano  che “non gradisce” alunni disabili con disturbi dell’apprendimento interviene ora anche il sottosegretario all’Istruzione Gabriele Toccafondi.

Nel proprio regolamento la scuola sottolinea: “Essendo la Scuola Svizzera impegnativa e multilingue, non è ottimale per studenti affetti da disturbi dell’apprendimento, quali: dislessia, discalculia, ADHS, Sindrome Asperger, autismo, e disturbi comportamentali”.

Icotea

 

{loadposition carta-docente}

 

Una scuola che parte da questi presupposti “può essere riconosciuta dal sistema italiano?” si chiede Toccafondi sulla sua pagina FB. “Per me no” risponde il sottosegretario che però aggiunge: “Questa scuola è un istituto privato non parificato, lo dico a chi sta facendo (forse volutamente) confusione. Se era una scuola non statale paritaria non poteva ricevere la parità scolastica e non poteva aprire perché uno dei requisiti obbligatoria per chiedere la parità scolastica è appunto l’inclusivita’, accogliere tutti. Però questa scuola privata alla fine rilascia un diploma di maturità  “equiparato” a quello italiano, tanto da consentire l’accesso alle nostre università e a quelle del resto del mondo anche grazie, a quanto si legge sulla stampa, ad un accordo tra le due nazioni”.  Toccafondi conclude: “È giusto che siano ‘equiparate’ scuole che includono e accolgono tutti con quelle che hanno regolamenti che dichiarano: ‘non è ottimale per studenti affetti da disturbi dell’apprendimento’ ? Penso di no”. Sulla questione era intervenuta nei giorni scorsi anche la responsabile scuola del PD Simona Malpezzi che aveva biasimato la scelta della scuola.