Home Personale 2.200 classi in meno nel 2020 se la natalità continua a scendere

2.200 classi in meno nel 2020 se la natalità continua a scendere

CONDIVIDI

Il drastico calo delle culle in Italia porterà ad avere “60mila alunni in meno con una disponibilità di 11mila insegnanti”, se non si trovano “i mezzi per contrastare l’abbandono scolastico e allungare l’obbligo a 18 anni, a vantaggio della salute fisica, psichiatrica e della crescita dei giovanissimi”.

Il pediatra afferma pure che, con 60mila studenti in meno pari a 2.200 classi che se ne vanno in fumo, “invece di parlare solo di insegnanti, supplenze e precariato, fra le ottimizzazioni possibili delle risorse sarebbe il caso di pensare ai ragazzi, al loro sviluppo e alla loro salute. La maggior disponibilità di insegnanti potrebbe dunque essere impegnata a favore degli alunni estendendo l’obbligo scolastico a 18 anni, mentre ora è a 16. Oggi ci sono 300mila minori fra i 17 e i 18 anni che non vanno a scuola, mentre in questa età l’organismo è ancora in formazione, pertanto non adatto al lavoro”.

Ed è una preoccupazione soprattutto sanitaria quella che anima Farnetani che sottolinea come per la salute degli adolescenti la priorità della scuola “sarebbe quella di innalzare l’obbligo scolastico a 18 anni e allo stesso tempo combattere la dispersione che è anche uno strumento di lotta al lavoro minorile». Il pediatra assicura che “per crescere bene il messaggio è: tutti a scuola”.

Icotea

Secondo il pediatra, inoltre, con l’obbligo a 18 anni, si riuscirebbe a contrastare “il disagio di questa fascia di età. Si consentirebbe una formazione migliore e più uniforme e si accompagnerebbe in modo più completo la crescita dei giovanissimi. Le risorse, per quanto riguarda gli insegnanti ci saranno. Sarebbe utile programmare questo intervento a vantaggio dei giovanissimi.”