Home Attualità Antivigilia di Natale, da domani Italia zona rossa, controlli lungo le arterie...

Antivigilia di Natale, da domani Italia zona rossa, controlli lungo le arterie stradali [autodichiarazione]

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Antivigilia di Natale: da domani l’Italia è zona rossa per i giorni festivi e prefestivi, arancione negli altri giorni.

A freno del contagio, il capo di Gabinetto del Ministero dell’Interno Bruno Frattasi richiama le prefetture affinché predispongano efficaci servizi volti a garantire la corretta osservanza delle misure previste, in particolare per quanto riguarda i controlli lungo le arterie stradali e in ambito cittadino, per prevenire possibili violazioni alle restrizioni alla mobilità ovvero situazioni di assembramento e di mancata osservanza del distanziamento sociale.

TUTTE LE MISURE DELLA ZONA ROSSA E DELLA ZONA ARANCIONE IN QUESTO ARTICOLO.

ICOTEA_19_dentro articolo

Docenti fuori sede

Ad ogni modo, ricordiamo che i docenti fuori sede sono liberi di rientrare nei propri domicili o residenze in qualunque momento, anche durante i giorni rossi.

Sull’argomento ecco le due FAQ del Governo:

Dopo l’approvazione del cosiddetto “decreto Natale” (decreto-legge 18 dicembre 2020, n. 172), sarà ancora possibile, dal 24 dicembre al 6 gennaio, tornare alla propria residenza, domicilio o abitazione, se per qualche motivo ci si trova in un’altra Regione?

Sì, il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione è sempre un motivo legittimo di spostamento.

E sarà possibile spostarsi per tornare al proprio luogo di lavoro o per motivi di necessità o di salute?

Sì, gli spostamenti per comprovati motivi di lavoro, salute o necessità sono sempre possibili, senza distinzione tra giorni e orari.

Sanzioni

Sul sito del Ministero dell’Interno vengono ribadite le sanzioni per chi non dovesse rispettare le misure di contenimento della diffusione del Covid-19 previste dall’ultimo dpcm dello scorso 3 dicembre. Si applicano le sanzioni previste dell’articolo 4 del decreto-legge n. 19/2020.

Lo precisa la circolare inviata ai prefetti dal capo di Gabinetto del ministero dell’Interno Bruno Frattasi con riferimento a tutti i divieti di spostamento introdotti relativamente sia al periodo 21 dicembre 2020 – 6 gennaio 2021, sia alle giornate 25 e 26 dicembre 2020 e 1 gennaio 2021.

La sanzione amministrativa va da 400 a 1000 euro con una riduzione del 30% se si provvede al pagamento entro 5 giorni (280 euro).

Scatta il reato di falsa attestazione a un pubblico ufficiale, previsto dall’articolo 495 del codice penale e punito con la reclusione da 1 a 6 anni, nel caso in cui, nelle ipotesi in cui debba essere presentata, l’autocertificazione sugli spostamenti non sia veritiera.

Il modello di autodichiarazione per gli spostamenti

SCARICA IL MODELLO

Preparazione concorso ordinario inglese