Home Personale Assegnazione provvisoria, le risposte alle domande più frequenti (FAQ)

Assegnazione provvisoria, le risposte alle domande più frequenti (FAQ)

CONDIVIDI

C’è tempo fino al 20 luglio per inoltrare la domanda di assegnazioni provvisorie e utilizzazioni 2019. Ecco alcune FAQ, ovvero alcune risposte alle domande più frequenti.

Assegnazioni provvisorie, chi compila la domanda online?

I Docenti, di ogni ordine e grado, che hanno un contratto a tempo indeterminato potranno compilare e presentare la domanda di utilizzazione e/o assegnazione provvisoria 2019, tramite il sistema informatizzato delle Istanze Online del Miur.

Invece dovranno inoltrare la domanda in formato cartaceo:

ICOTEA_19_dentro articolo

– il personale docente di Religione Cattolica,

– il personale educativo

–  i docenti nei licei musicali

docente assunto ex DDG 85/2018

 

Assegnazione provvisoria 2019: come fare domanda per il sostegno senza titolo di specializzazione?

il contratto sulle utilizzazioni e assegnazione provvisoria 2019 prevede la possibilità di presentare domanda di assegnazioni provvisorie, in deroga, su posto di sostegno anche ai docenti senza specializzazione che abbiano però svolto un servizio almeno annuale su sostegno, ovviamente fatto salvo il requisito di ricongiungimento/cura e al termine della sequenza operativa che prevede ogni tutela per i docenti con titolo sia di ruolo che supplenti.

Per fare domanda di assegnazione provvisoria 2019 per i posti di sostegno senza specializzazione, il Miur ha messo a disposizione un modello ad hoc (CLICCA QUI)

Ecco qui invece il modello per dichiarare il servizio prestato sul sostegnoAutodichiarazione servizio su sostegno

Assegnazione provvisoria 2019, come si calcola il punteggio?

Per calcolare il punteggio per le graduatorie dell’assegnazione provvisoria 2019 bisogna leggere l’allegato 3 tabella per le assegnazioni provvisorie del personale docente ed educativo, dell’ipotesi di CCNI utilizzazioni 2019/2022.

6 punti – per ricongiungimento al coniuge o parte dell’unione civile o al convivente o per ricongiungimento ai figli minori o maggiorenni disabili in situazione di gravità (art. 3.- comma 3 – legge 104/92), o ai genitori di età superiore ai 65 anni e ai minori o maggiorenni disabili in situazione di gravità (art. 3.- comma 3 – legge 104/92) affidati.

4 punti – per ogni figlio o affidato che non abbia compiuto 6 anni di età.

3 punti – per ogni figlio o affidato di età superiore ai 6 anni, ma che non abbia superato il 18 anno di età ovvero per ogni figlio o affidato maggiorenne che risulti totalmente o permanentemente inabile a proficuo lavoro.

6 punti – per la cura e l’assistenza dei figli o affidati minorati fisici, psichici o sensoriali, tossicodipendenti, ovvero del coniuge o parte dell’unione civile o del genitore totalmente e permanentemente inabili al lavoro che possono essere assistiti soltanto nel comune richiesto.

Assegnazioni provvisorie, cosa accade in caso di parità nel punteggio?

Come spesso capita nelle graduatorie per le assegnazioni provvisorie, due o più docenti potrebbero trovarsi con lo stesso punteggio e con le stesse precedenze (oppure senza alcuna precedenza).
In quel caso ad avere la precedenza sarà sempre il docente più anziano anagraficamente.

Si tratta del comma 6, art.1 del CCNI utilizzazioni 2019-2022 che specifica che in caso di parità di precedenze e di punteggio prevale chi ha maggiore anzianità anagrafica;

Assegnazione provvisoria 2019, può essere richiesta anche per gravi esigenze di salute?

Oltre i motivi di ricongiungimento ai figli, al coniuge e ai genitori, possono richiedere assegnazione provvisoria 2019 anche i docenti che hanno gravi esigenze di salute comprovate da idonea certificazione sanitaria.

Infatti, ai sensi dell’art.7, comma 1, dell’ipotesi di CCNI utilizzazioni e assegnazioni provvisorie 2019-2022. L’assegnazione provvisoria può essere richiesta, anche gravi esigenze di salute del richiedente comprovate da idonea certificazione sanitaria.

Per quanto riguarda l’assegnazione provvisoria per motivi di salute, il docente è libero di scegliere la provincia che più desidera senza obbligo di ricongiungimento a un figlio, al coniuge o parte dell’unione civile o a un genitore.

Bisogna ricordare che il motivo dei gravi motivi di salute non necessita della precedenza della legge 104/92 ma semplicemente di una idonea certificazione sanitaria che attesti le gravi esigenze di salute del richiedente.

Come fare domanda assegnazione provvisoria 2019 per i docenti del FIT?

Per l’a.s. 2019/2020 potranno produrre domanda assegnazione provvisoria anche i docenti, inseriti dal 1 settembre 2018 nel terzo anno dei percorso FIT (DDG 85/2018), le cui graduatorie sono state pubblicate entro il 31 agosto 2018.

A tal proposito, il Ministero ha messo a disposizione la modulistica anche per questi docenti.

 

LE VIDEO GUIDE SULLE UTILIZZAZIONI E ASSEGNAZIONI PROVVISORIE 2019

LA NOTA DEL MIUR

IL TESTO DELL’IPOTESI DI CCNI UTILIZZAZIONI E ASSEGNAZIONI PROVVISORIE 

 

LEGGI ANCHE

Utilizzazione su sostegno, compilazione della domanda [VIDEO]
Utilizzazioni, ecco come compilare la domanda per i docenti soprannumerari [VIDEO]
Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie, per gli ATA domanda cartacea. Il modello
Assegnazione provvisoria, al via le domande: c’è tempo fino al 20 luglio
Utilizzazioni 2019/2020, allegati da presentare e calcolo del punteggio
Assegnazione provvisoria, può essere richiesta anche per gravi esigenze di salute
Utilizzazione interprovinciale, solo se la classe di concorso di titolarità è in esubero provinciale [VIDEO]
Assegnazione provvisoria, ecco come fare domanda per i docenti FIT
Assegnazione provvisoria, limitazioni per chi non ha ottenuto conferma in ruolo
Assegnazione provvisoria, ecco quando non si può fare domanda
Assegnazione provvisoria, ecco come si calcola il punteggio
Assegnazione provvisoria, si possono chiedere anche altre classi di concorso [SCARICA PDF DEL CONTRATTO]
Assegnazione provvisoria in una sola provincia, ecco i codici esprimibili