Home Personale Assenze per malattia, visite fiscali e obbligo di reperibilità

Assenze per malattia, visite fiscali e obbligo di reperibilità

CONDIVIDI
webaccademia 2020

L’articolo 3, commi 1 e 2, del decreto 17 ottobre 2017, n. 206, ha confermato le vigenti fasce orarie di reperibilità per i dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni (scuole comprese) che rimangono fissate nei seguenti orari: dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18. L’obbligo di reperibilità sussiste anche nei giorni non lavorativi e festivi.

A ricordarlo è l’Inps, che con il recente messaggio n. 1399, fa il punto sulla normativa vigente riguardante il Polo unico per le visite fiscali per i dipendenti pubblici.

L’Istituto ha ricordato che qualora debba assentarsi dal proprio domicilio (ad esempio, per visita medica o altri giustificati motivi), il dipendente pubblico è tenuto ad avvisare unicamente la propria amministrazione, la quale provvede a trasmettere l’informazione all’Inps.

ICOTEA_19_dentro articolo

L’amministrazione è dunque tenuta a comunicare eventuali assenze dal domicilio di reperibilità dei propri dipendenti in
malattia con ogni possibile sollecitudine e nelle seguenti modalità:

  • inviando un’email alla casella [email protected];
  • inviando specifica comunicazione al numero di fax indicato dalla struttura territoriale di riferimento;
  • rivolgendosi al Contact center.

Gli stessi canali devono essere utilizzati anche per i casi in cui il lavoratore abbia necessità di cambiare domicilio in corso di prognosi. In tali ipotesi, il dipendente pubblico è tenuto a comunicare preventivamente all’amministrazione presso cui presta servizio il nuovo indirizzo di reperibilità e la P.A., a sua volta, ne dà tempestiva comunicazione all’Inps.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese