Home Attualità Autismo, ecco gli sportelli telematici del Miur

Autismo, ecco gli sportelli telematici del Miur

CONDIVIDI

In occasione del 2 aprile, Giornata mondiale sulla consapevolezza dell’autismo, il Ministero dell’Istruzione lancia gli sportelli telematici dedicati all’autismo.

Sportelli autismo, cosa sono

Lo Sportello Autismo è un progetto attivato dal Ministero dell’Istruzione con DM 435/2015.

Quest’anno il Ministero dell’Istruzione, oltre a colorare di blu il palazzo di Viale Trastevere, rilancia infatti un progetto già avviato a livello locale da qualche anno ma che adesso aumenta la propria ampiezza di sguardo.

ICOTEA_19_dentro articolo

Il Miur e la Task force emergenze educative e inclusione via web, hanno promosso una rete sul territorio nazionale che attua, con l’apporto dei massimi esperti del problema, delle associazioni più rappresentative, di docenti competenti e con esperienza vissuta sul campo, interventi sull’autismo con l’obiettivo di migliorare la condizione dei bambini e dei ragazzi che frequentano la scuola.

Nell’attività è coinvolta la rete per l’inclusione, costituita dai CTS (Centri Territoriali di Supporto – scuole polo per l’inclusione) di livello provinciale ed un gruppo di scuole che già hanno esperienze in merito,con il supporto (ove necessario) di specialisti medici e psicologi.

Lo sportello autismo inserito sulla pagina web del Miur inclusione via Web, con un approccio peer teaching diventa pertanto una consulenza preziosa, che vede protagonisti 450 docenti operatori specializzati (con esperienza sul campo) con il supporto dei CTS (centri territoriali di supporto), per la condivisione di buone pratiche, soluzioni didattiche semplici e rapide, condivisione di materiale didattico multimediale, Didattica con strumenti di C.A.A (comunicazione aumentativa), risposte formative per aiutare i docenti e le famiglie nella gestione della quotidianità e programmazione educativa- didattica.

Il servizio è rivolto tramite email, dove gli operatori poi scelgono la modalità piu adatta per relazionarsi con docenti o genitori(chat rooms, telefonate, webcam ecc) sia ai docenti che alle famiglie.

Il Miur si colora di blu in occasione della Giornata mondiale dell’Autismo

La rete nazionale

Gli “Sportelli” sono incardinati presso i CTS o altre Scuole-polo per l’inclusione.

Attualmente 42 Centri sono aggregati nella Rete Sportelli Autismo ItaliaSAI – una mailing list nazionale, che accoglie, secondo l’approccio di scambio paritetico peer to peer, 450 docenti operatori su tutto il territorio italiano, nell’ambito della più vasta rete nazionale.

La mailing list Sportelli Autismo Italia, pensata proprio per favorire tra gli operatori la condivisione di materiali, di idee e risposte formative, mette a servizio della Comunità i propri materiali alla pagina Web www.sportelliautismoitalia.it.

All’indirizzo https://www.sportelliautismoitalia.it/articolo/docenti-operatori-rete-sai sono riportati i riferimenti aggiornati degli Sportelli Autismo che hanno aderito alla rete nazionale SAI.

L’elenco completo degli Sportelli Autismo sarà presto reso disponibile sul sito del Ministero dell’Istruzione.

Un’altra rete di Sportelli Autismo, ad esempio, è quello attivata dall’Emilia – Romagna raggiungibile all’indirizzo dedicato.

Giornata mondiale della consapevolezza dell’autismo: le iniziative del Ministero

Dal tramonto e fino alle 24, la facciata del Palazzo dell’Istruzione, in viale Trastevere, a Roma, verrà illuminata in contemporanea con monumenti e luoghi simbolo di tutto il mondo, come anticipato in precedenza. Il blu è il colore scelto dall’ONU per questa Giornata. L’installazione luminosa è realizzata dagli alunni della Rete degli istituti professionali, servizi culturali e dello spettacolo di Roma e conclude un percorso didattico pluridisciplinare. Ragazze e ragazzi hanno infatti lavorato a questo progetto, guidati dai propri insegnanti, con lezioni a distanza.

“Celebrare la Giornata della Consapevolezza sull’Autismo oggi è ancora più importante – sottolinea la Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina -. In questa emergenza siamo costretti a stare distanti, per prevenire la diffusione del virus, ma dobbiamo rimanere uniti, solidali, vicini. La scuola sta facendo la propria parte, come sempre. Le difficoltà non mancano ma dobbiamo porre attenzione a tutti i nostri ragazzi, con riguardo particolare alle studentesse e agli studenti con disabilità. Il ruolo della scuola è fondamentale. Seguire giorno dopo giorno l’evoluzione della crescita, nel rapporto diretto con l’insegnante, è una necessità. E aiuta le famiglie ad accompagnare il percorso dei ragazzi verso l’età adulta, così che possano realizzarsi nella società”.

“Per sostenere l’inclusione scolastica degli alunni con disturbi dello spettro autistico metteremo in campo azioni mirate – aggiunge la Ministra -, a partire dal potenziamento degli sportelli dedicati che lavorano a supporto delle scuole”.