Home Personale Borse di studio Inps, tutte le opportunità per i dipendenti pubblici

Borse di studio Inps, tutte le opportunità per i dipendenti pubblici

CONDIVIDI

Sono in scadenza nel mese di ottobre due bandi Inps per l’erogazione di borse di studio in favore dei figli di dipendenti della P.A. Un altro bando è in scadenza a novembre.

Vediamo quali sono le opportunità offerte dall’Istituto pensionistico.

Supermedia 2019

Il bando “Supermedia” è riservato a chi ha conseguito, nell’anno scolastico 2018/2019, il titolo di studio della scuola secondaria di primo e di secondo grado o la promozione alle classi successive nella scuola secondaria di secondo grado.

ICOTEA_19_dentro articolo

Le borse di studio sono riservate a figli, orfani ed equiparati dei dipendenti della pubblica amministrazione iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, dei pensionati utenti della Gestione dipendenti pubblici, degli iscritti alla Gestione assistenza magistrale e dei dipendenti e pensionati ex-Ipost.

La domanda può essere inoltrata, esclusivamente on line, a decorrere dentro le ore 12 del giorno 25 ottobre 2019.

SCARICA IL BANDO

Master e CUP Italia a.a. 2019/2020

Il bando, riferito all’anno accademico 2019/2020, concerne il pagamento di contributi per partecipazione e conseguimento titolo di Master di I o di II livello o di Corsi di Perfezionamento Universitari tenuti in Italia da Atenei ovvero da soggetti legittimati al rilascio del titolo.

Il concorso è riservato ai figli ed orfani dei dipendenti o pensionati iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali ed alla Gestione Magistrale e dei pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici.

Possono partecipare al concorso i beneficiari in possesso dei seguenti requisiti:

a) diploma di laurea triennale per master di I livello;
b) diploma di laurea specialistica magistrale o diploma di laurea del vecchio ordinamento per master di II livello;
c) diploma di laurea triennale/magistrale per i CUP;
d) essere inoccupato o disoccupato alla data di presentazione della domanda;
e) avere un’età inferiore ai 40 anni alla data di presentazione della domanda;
f) non aver già ricevuto dall’Istituto, in uno degli anni accademici 2014/2015, 2015/2016 2016/2017, 2017/2018 e 2018/2019 borse di studio, per Master di I e II livello o Corsi universitari di perfezio-namento, finanziate dall’Istituto.
g) non aver presentato domanda per la borsa di studio INPS per la frequenza di Master all’estero per l’anno accademico 2019-2020.

I contributi (per un importo massimo di 10.000 euro) sono 600 per gli aventi diritto della Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali/Gestione dipendenti pubblici e 200 per gli aventi diritto della gestione Assistenza Magistrale.

La domanda deve essere trasmessa entro le ore 12.00 del 30 ottobre 2019.

SCARICA IL BANDO

Programma Itaca 2020/2021

Il Programma Itaca 2020-2021 mette a disposizione borse di studio per soggiorni scolastici all’estero in favore di figli (o orfani ed equiparati) dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali e dei pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici.

Il bando è finalizzato ad offrire a studenti della scuola secondaria di secondo grado un percorso di mobilità internazionale, attraverso la frequenza di un intero anno scolastico, o parte di esso, presso scuole straniere, localizzate all’estero. L’Inps, in particolare, eroga una borsa di studio a totale o parziale copertura del costo di un soggiorno scolastico all’estero, organizzato e fornito da un unico soggetto terzo che garantisca il supporto per l’acquisizione, presso la scuola straniera e quella italiana, della documentazione necessaria per il riconoscimento del periodo di studi trascorso all’estero, secondo le vigenti disposizioni legislative e ministeriali.

In totale, le borse erogate per studiare in Paesi UE o estra UE sono 1.500.

La domanda deve essere trasmessa dal richiedente la prestazione a decorrere entro le ore 12,00 del giorno 22 novembre 2019.

CONDIVIDI