Home Personale Chiamata diretta, ecco le linee guida. Modificate le date

Chiamata diretta, ecco le linee guida. Modificate le date

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Sono disponibili, sul sito del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, le indicazioni operative che consentiranno alle istituzioni scolastiche di individuare gli insegnanti che dovranno coprire i posti vacanti secondo le novità previste dalla Buona Scuola.

 

ATTENZIONE 

ICOTEA_19_dentro articolo

Ecco le date ufficiali per i vari passaggi da effettuare per i docenti della scuola dell’infanzia e primaria, per la scuola secondaria di primo grado e di secondo grado.

 

INFANZIA E PRIMARIA

Pubblicazione degli avvisi da parte delle scuole. L’avviso contiene la scadenza per l’invio delle candidature (dal 29 luglio)

Inserimento dei curriculum dei docenti su Istanze on line (dal 29 luglio al 4 agosto)

Individuazione dei docenti e chiusura della fase di competenza delle scuole (entro il 18 agosto)

 

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Pubblicazione degl avvisi da parte delle scuole. L’avviso contiene la scadenza per l’invio delle candidature (dal 6 agosto)

Inserimento dei curriculum dei docenti su Istanze on line (dal 6 al 9 agosto)

Individuazione dei docenti e chiusura della fase di competenza delle scuole (entro il 18 agosto)

 

SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO

Pubblicazione degl avvisi da parte delle scuole. L’avviso contiene la scadenza per l’invio delle candidature (dal 18 agosto)

Inserimento dei curriculum dei docenti su Istanze on line (dal 16 al 19 agosto)

Individuazione dei docenti e chiusura della fase di competenza delle scuole (entro il 26 agosto)

 

Da quest’anno infatti cambia il sistema: i docenti di ruolo non saranno più assegnati alle sedi scolastiche sulla base di anzianità e punteggi, ma per le loro competenze ed esperienze. Saranno le singole scuole ad individuare, fra gli insegnanti presenti nel proprio ambito territoriale, quelli che più corrispondono, per profilo professionale, al loro progetto formativo. Parte dunque l’individuazione dei docenti per competenze. Le indicazioni operative sono state predisposte dal Ministero per “dare indirizzi comuni” alle scuole nel primo anno di applicazione. Dalla prossima settimana saranno disponibili anche delle FAQ e una modulistica standard per facilitare le procedure.

 

Cosa accade in pratica? Tutto parte dalle esigenze delle scuole. Il capo d’istituto tiene conto, per individuare i docenti, del Piano dell’Offerta Formativa e del Piano di miglioramento della propria istituzione scolastica. Un esempio concreto: un dirigente ha a disposizione un posto di matematica. Con le vecchie regole, l’Ufficio Scolastico Regionale gli avrebbe assegnato un docente sulla base delle graduatorie, senza correlazione con le esigenze dell’istituto. Quest’anno il dirigente potrà vagliare i CV degli insegnanti presenti nel suo ambito territoriale e individuare quelli che hanno esperienze (ad esempio di didattica laboratoriale o innovativa) o titoli (come la conoscenza di una lingua) che rispondono al meglio all’offerta formativa presentata alle famiglie e decisa dal Collegio dei docenti.

 

Saranno valorizzate soprattutto le esperienze: la professionalità del docente si costruisce e si caratterizza in modo qualitativamente differente a seconda dei contesti scolastici in cui ha lavorato. Aver operato in ambiti diversi, aver utilizzato didattiche innovative e laboratoriali, aver ricoperto ruoli organizzativi, aver curato particolari progetti interni alla scuola o in collaborazione con le altre agenzie del territorio, sono alcuni degli elementi che possono consentire di identificare i profili più adeguati ai Piani Triennali delle istituzioni scolastiche. Questo approccio, ricorda il documento, considera “l’anzianità non un valore in sé, ma come elemento da valorizzare in quanto può aver consentito uno specifico sviluppo professionale”.

 

LE FASI

 

Sono previste due fasi nelle operazioni, la prima a cura dei dirigenti scolastici, la seconda a cura degli Uffici Regionali. 

 

Cosa faranno i dirigenti scolastici? Pubblicheranno appositi avvisi relativi ai posti disponibili, individuando da 3 a 6 caratteristiche (coerenti con il Piano dell’offerta formativa) richieste ai docenti che dovranno inviare la loro candidatura. Il Ministero fornisce una tabella esemplificativa. Queste caratteristiche saranno di tre tipi: esperienze (didattica digitale, insegnamento in sezioni ospedaliere, pratica musicale, per fare degli esempi); titoli universitari, culturali e certificazioni (come i dottorati su tematiche affini alla classe di concorso o certificazioni linguistiche); attività formative. I dirigenti pubblicheranno gli avvisi dal 29 luglio per infanzia e primaria, dal 6 agosto per la secondaria di primo grado, dal 18 agosto per la secondaria di secondo grado. Esamineranno poi i CV dei docenti presenti nel loro ambito territoriale a partire da quelli che hanno presentato la loro candidatura. Ogni scelta sarà motivata. I dirigenti faranno una proposta di incarico agli insegnanti individuati.

 

I docenti potranno caricare il loro curriculum sul sistema del Miur (Istanze On Line) dal 29 luglio al 4 agosto per infanzia e primaria, dal 6 al 9 agosto per la secondaria di primo grado, dal 16 al 19 agosto per la secondaria di secondo grado. Avranno a disposizione un modello predefinito. Potranno partecipare a eventuali colloqui proposti dai dirigenti e accettare o meno le proposte ricevute.

 

Per i docenti rimasti senza una sede alla fine delle procedure, questa verrà individuata dagli Uffici Scolastici Regionali. 

Nota Miur 22 luglio 2016
Le date per l’individuazione dei docenti

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese