Home Personale Collaboratori scolastici: Jolly delle scuole?

Collaboratori scolastici: Jolly delle scuole?

CONDIVIDI

Non sempre i Dirigenti scolastici hanno un’opinione positiva di questa categoria di lavoratori, spesso nei loro confronti sono usate frasi del tipo “Le scuole sono sporche perché il personale non fa il suo dovere” oppure “per loro tutto sembra essere un atto di magnanimità “e ancora “ gran parte della giornata bivaccano”. Alcune voci riferiscono di bidelli che durante il loro servizio, nei tempi morti fanno l’enigmistica o di bidelle che fanno l’uncinetto. Altre voci evidenziano il loro spirito di sacrificio nel risolvere i numerosi piccoli problemi della vita scolastica di ogni giorno.

In generale la norma dice che il collaboratore scolastico è addetto ai servizi generali della scuola con compiti di accoglienza e di sorveglianza nei confronti degli alunni e del pubblico; di pulizia e di carattere materiale inerenti l’uso dei locali, degli spazi scolastici e degli arredi; di vigilanza sugli alunni, di custodia e sorveglianza generica sui locali scolastici, di collaborazione con i docenti.

Icotea

In particolare i collaboratori scolastici devono svolgere le seguenti 10 mansioni:

1.     sorveglianza degli alunni nelle aule, nei laboratori, nelle officine e negli spazi comuni, in occasione di momentanea assenza degli insegnanti;

2.     concorso in accompagnamento degli alunni in occasione del loro trasferimento dai locali della scuola ad altre sedi anche non scolastiche ivi comprese le visite guidate e i viaggi di istruzione;

3.     sorveglianza, anche notturna, con servizio di portineria, degli ingressi delle istituzioni scolastiche ed educative con apertura e chiusura degli stessi, per lo svolgimento delle attività scolastiche e delle altre connesse al funzionamento della scuola, limitatamente ai periodi di presenza di alunni, semiconvittori e convittori;

4.     svolgimento delle mansioni di custode con concessione gratuita di idonei locali abitativi;

5.     pulizia dei locali scolastici, degli spazi scoperti, degli arredi e relative pertinenze, anche con l’ausilio di mezzi meccanici;

6.     riassetto e pulizia delle camerate dei convittori:

7.     compiti di carattere materiale inerenti al servizio, compreso lo spostamento delle suppellettili, nonché, nelle istituzioni convittuali, il trasporto dei generi alimentari e lo svolgimento di tutte le attività connesse con i servizi di mensa e cucina;

8.     lavaggio delle stoviglie nelle istituzioni scolastiche in cui le esercitazioni comportino l’uso della cucina e della sala bar;

9.     servizi esterni inerenti la qualifica;

10.ausilio materiale agli alunni portatori di handicap nell’accesso dalle aree esterne alle strutture scolastiche e nell’uscita da esse.