Home Archivio storico 1998-2013 Generico Come si fa il Pof alle superiori? Verificatelo su saladocenti.it

Come si fa il Pof alle superiori? Verificatelo su saladocenti.it

CONDIVIDI
  • Credion
Anche i siti internet italiani cominciano a popolarsi di temi dedicati agli insegnanti: l’ultima opera on line è nata pochi giorni fa e si chiama saladocenti.it. A produrla è stato Marco Gius, docente di Diritto in un istituto tecnico di Firenze e già in passato promotore di iniziative nel campo dell’editoria elettronica: stavolta è stato spinto dal fatto che su internet non esisteva ancora alcun luogo che contenesse programmazioni, progettazioni, Piani dell’offerta formativa, lavori degli studenti, esercizi, verifiche, documenti, lezioni a video, materiale sull’orientamento e curiosità sulla didattica delle scuole superiori italiane. Gius ha così pazientemente individuato e ‘linkato’ tantissimo materiale inserito nella rete proprio dalle scuole superiori: docenti e dirigenti in tal modo potranno facilmente rintracciarlo, suddiviso per argomenti, e in tal modo confrontarsi con temi e argomento a loro molto professionalmente vicini.

Per definire la gerarchia delle voci è stato utilizzato il servizio Co Op (Custom Search Engine), un’innovazione di Google che consente a chi gestisce un sito Internet di crearsi un motore di ricerca ad hoc. Con il professore appassionato di editoria elettronica collabora una rete di docenti di tutte le regioni. Il sito è ad accesso gratuito e senza pubblicità, così come Educity.it, il sito per studenti ideato dallo stesso Gius.
“Saladocenti.it nasce da precise esigenze professionali – ha spiegato il professore di Diritto – per fare bene il proprio lavoro professori e dirigenti devono poter condividere le esperienze con i colleghi di altre scuole. Prima del web eravamo isolati, aggiornarsi era complicato e ognuno era costretto ad affrontare ogni singolo problema come se fosse la prima volta. Con Saladocenti.it ognuno di noi ha finalmente la possibilità di entrare in tutte le scuole d’Italia, di verificare che cosa è stato fatto, di scaricare il materiale che ci sembra più utile per il lavoro di tutti i giorni – ha concluso Gius – di confrontarci e di contribuire, a nostra volta, mettendo a disposizione le nostre esperienze”.